Rissa Canneto: marocchino tentato omicida già pericoloso, ma era libero

0
CONDIVIDI
Un'immagine della violenza nel centro storico genovese, in pieno giorno
Un'immagine della violenza nel centro storico genovese: la rissa dell'altro giorno fra immigrati
Un’immagine della violenza nel centro storico genovese: la rissa dell’altro giorno fra immigrati

GENOVA. 4 LUG. Controllo della zona di spaccio e violenza in pieno giorno, in mezzo a turisti e residenti del centro storico genovese. I carabinieri oggi hanno comunicato che venerdì, a conclusione di attività investigativa, gli investigatori del nucleo Operativo della compagnia Centro hanno denunciato un marocchino 29enne per il reato di tentato omicidio e un tunisino 32enne per il reato di lesioni personali.

Il marocchino pericoloso aveva a suo carico già due ordini di carcerazione per reati inerenti lo spaccio di droga, ma vagolava libero nei caruggi e di fatto l’autorità giudiziaria non è mai riuscita a rispedirlo al suo paese. Inoltre, era già stato denunciato nel 2008 dalla polizia per il reato di tentato omicidio, poiché ritenuto responsabile dell’accoltellamento ai danni di un connazionale avvenuto sempre nel centro storico genovese.

Attualmente, a causa delle ferite riportate, il marocchino è in stato di detenzione all’ospedale San Martino, mentre il tunisino si trova ricoverato al Galliera con prognosi riservata.

 

Gli immigrati sono stati riconosciuti fra gli autori del violento alterco, a colpi di bottigliate, avvenuto nel pomeriggio di mercoledì  in via di Canneto il Curto, che ha visto il ferimento di un giovane inglese, rimasto ferito accidentalmente all’atto di separare i litiganti, nonché il fuggi fuggi di turisti e residenti terrorizzati.

Le indagini, condotte mediante la raccolta delle testimonianze e l’analisi delle immagini di una telecamera in zona, ha consentito di accertare che la lite si era svolta tra i maghrebini, i quali, per futili motivi, avevano cominciato a scambiarsi offese ed insulti. Il primo, dopo aver prelevato a più riprese alcune bottiglie di vetro da un cassonetto della spazzatura nelle vicinanze, ha colpito il secondo provocando la reazione di quest’ultimo, che, con un altro oggetto contundente ha colpito a più riprese la controparte.

Il tunisino, a causa delle ferite ricevute, si è accasciato a terra in attesa dei soccorsi. Il marocchino ha quindi tentato di fuggire verso via Turati, ma è stato fermato da una pattuglia della Guardia di Finanza. L’intera scena di violenza è durata dalle 15:15 alle 15:20 e si è svolta in via di Canneto il Curto e nell’adiacente piazza Stella.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO