Riparazioni Navali, elettrificazione banchine entro fine anno

0
CONDIVIDI
Genova: entro fine anno elettrificazione banchine in porto

GENOVA. 12 OTT.  “Insieme all’Autorità Portuale e grazie ai contributi dell’Unione Europea riusciremo entro l’anno a concludere la prima fase di elettrificazione delle banchine del Porto di Genova, nell’area delle Riparazioni Navali, uno dei passi fondamentali per diminuire di molto i quantitativi di inquinamento da biossido di azoto che vanno comunque verificati su dati attendibili”.

Lo ha detto ieri l’assessore regionale all’Ambiente, Giacomo Giampedrone rispondendo ad un’interrogazione del M5S sullo spostamento delle Riparazioni Navali.

“Si tratta di un progetto molto importante – ha continuato Giampedrone – il cui costo, a carico della Regione ammonta a 9,7 milioni di euro, in parte provenienti dal Ministero dell’Ambiente e in parte dai fondi POR Fesr. Non sappiamo ancora quale sarà l’impatto positivo in termini percentuali sul tema delle emissioni, ma è certamente un primo segnale molto significativo per l’abbattimento delle emissioni delle navi che sostano in banchina. Anche se si ritiene che l’inquinamento da biossido da azoto sia oggi prevalentemente causato da traffico veicolare e solo per il 7,5% derivante dalle emissioni delle navi che sostano”.

 

“Anche con il dipartimento di Fisica dell’Università di Genova – conclude l’assessore Giampedrone – Stiamo eseguendo tutte le valutazioni necessarie per capire se le cause dell’inquinamento sono confermate o se c’è un inquinamento maggiore attribuibile alla parte portuale. Mi dispiace che su questi temi qualcuno possa perdere le staffe e faccia demagogia su argomenti che non devono avere colorazioni politiche, perché la tutela della salute e dei cittadini non interessa solo ai 5Stelle, ma è una priorità di questa Giunta e del mio assessorato”.

 

LASCIA UN COMMENTO