Home Cronaca Cronaca Genova

Rinviate a giudizio 34 persone:Traffico illecito di rifiuti

1
CONDIVIDI
Perquisizioni e inchieste per traffico illecito di rifiuti

GENOVA.7 LUG. Trentaquattro persone rinviate a giudizio, un proscioglimento e un patteggiamento a due anni. Questi sono i risultati della udienza preliminare, davanti al gup Nicoletta Bolelli; l’inchiesta che portò nel 2016 agli arresti domiciliari 7 persone, tra dipendenti e funzionari di Amiu, la società partecipata che si occupa della gestione dei rifiuti e Switch, l’azienda che si occupava della raccolta differenziata.

Stefano Ionadi, dipendente della Switch ha patteggiato la condanna a due anni, le accuse sono, a vario titolo, si parte dall’ associazione a delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato, traffico illecito di rifiuti e frode.

Secondo l’accusa, sostenuta dai pm Paola Calleri e Francesco Cardona Albini, gli appalti per la raccolta dei rifiuti venivano affidati, senza che la Switch ne avesse titolo, poi venivano anche simulati ritiri di ingombranti a domicilio con falsa documentazione per chiedere i rimborsi all’Amiu. Salvatore Mazzeo, ex direttore del carcere di Marassi è stato prosciolto perché estraneo ai fatti. ABov

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here