Renzi non aiuta, né mette il bavaglio a sindaci che difendono i liguri

1
CONDIVIDI
La presidente di FdI Giorgia Meloni col bavaglio: Renzi invoca la libertà di opinione e rimuove il presunto "censore" dell'Unar
La presidente di FdI Giorgia Meloni col bavaglio: Renzi invoca la libertà di opinione e rimuove il presunto "censore" dell'Unar
La presidente di FdI Giorgia Meloni col bavaglio: Renzi non si schiera contro i sindaci del ponente ligure che difendono la popolazione

IMPERIA. 3 GIU. Insicurezza, degrado e clandestini. Ok all’ordinanza del sindaco di Alassio e nessun bavaglio a quello di Bordighera, che l’altro giorno, in difesa della popolazione, ha ipotizzato la medesima via d’uscita dal caos immigrati. In sostanza, gli stranieri non identificabili e senza certificato medico, potrebbero essere allontanati dal territorio comunale per motivi di pericolo sanitario a tutela dei cittadini.

L’ordinanza alassina era stata già applicata con successo per clandestini e sbandati irregolari, anche se alcune associazioni pro immigrati e l’ex direttore dell’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar) che ricade sotto la responsabilità di Palazzo Chigi, ossia del premier Renzi, si erano schierati contro. L’anno scorso sulla questione se ne era occupato perfino il Tar, che poi aveva ragionevolmente archiviato i ricorsi delle associazioni.

L’ex direttore Marco De De Giorgi, invischiato in una polemica pure contro Giorgia Meloni, era stato quindi rimosso dall’incarico. Matteo Renzi aveva invocato la libertà di espressione di ogni parlamentare, era partito un provvedimento disciplinare per il presunto “censore” De Giorgi e nel gennaio scorso il premier aveva affidato l’Ufficio antidiscriminazioni al nuovo direttore Francesco Spano. Il quale finora non ha messo il bavaglio a nessuno. Tanto meno ai coraggiosi sindaci di Alassio e Bordighera.

 

Il problema, quindi, rimane il mancato aiuto del governo Renzi all’altrettanto coraggioso sindaco di Ventimiglia, Enrico Ioculano, che per protesta la scorsa settimana si è auto sospeso dal Pd insieme a tutti i componente del partito della città di confine.

1 COMMENTO

  1. Solidarietà al Sindaco di Bordighera Pallanca per l’ordinanza di un certificato medico per i migranti che forzatamente devono risiedere nella cittadina rivierasca.Le intimidazioni delle sinistre radicali,dei centri sociali e di tutte le associazioni fiancheggiatrici non ci intimidiscono,neppure la censura da parte della stampa su commissione da parte del clero bergogliano

LASCIA UN COMMENTO