Renzi fa propaganda per il SI’ e firma il patto per Genova

2
CONDIVIDI
Il premier Matteo Renzi a Palazzo Ducale di Genova

GENOVA. 26 NOV. Stamane nel capoluogo ligure per il SI’ al referendum e il patto per Genova. Poi nel primo pomeriggio a Savona (Teatro Chiabrera) per continuare la campagna referendaria e fare un sopralluogo delle zone del Ponente colpite dal maltempo, insieme al capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e il governatore ligure Giovanni Toti. Dopo i “big” dell’opposizione Giorgia Meloni e Matteo Salvini, in Liguria oggi è arrivato il premier Matteo Renzi.

Il presidente del Consiglio è giunto (in ritardo) intorno alle 12 a Palazzo Tursi, dove ha firmato con il sindaco Marco Doria il “Patto per Genova” che prevede investimenti per decine di milioni di euro. Si tratta, in gran parte, di fondi da destinare ad opere strategiche per lo sviluppo del capoluogo ligure. Tra i progetti che dovrebbero ricevere i contributi, figurano quelli del Blueprint di Renzo Piano, il parco tecnologico di Erzelli e Palazzo Reale.

Il premier si è quindi spostato a Palazzo Ducale (Sala del Maggior Consiglio da 550 posti esaurita) per la manifestazione a sostegno del SI’ al referendum. Tra le altre cose, ha detto: “E’ impensabile che la vostra città non sia collegata in tempi rapidi con Milano”.

 

Stamane, tra i presenti, c’erano il ministro della Difesa Roberta Pinotti, il governatore della Liguria Giovanni Toti, il prefetto di Genova Fiamma Spena, il rettore dell’Università Paolo Comanducci, il presidente di Ght per il parco di Erzelli Carlo Castellano, il sovrintendente del Teatro Carlo Felice Maurizio Roi, i segretari liguri di Cgil, Cisl e Uil, il segretario generale dell’Autorità portuale di Genova, Sandro Carena, il coordinatore regionale di FI Sandro Biasotti, deputati e senatori del Pd ed esponenti liguri del Partito Democratico.

ducale renzi