Regione, la Lega Nord ha un consigliere in più. Toti uno in meno

0
CONDIVIDI
Franco Senarega (Lega Nord) entra in consiglio regionale insieme a Lilli Lauro (FI)
Franco Senarega
Franco Senarega 

Regione, la Lega Nord ha un consigliere in più. Toti uno in meno

GENOVA. 27 OTT. Stamane il consiglio regionale ha ufficializzato le dimissioni di Ilaria Cavo e Giacomo Giampedrone, entrambi nominati consiglieri nel listino del presidente Toti, che rimangono assessori. Come annunciato, al loro posto sono entrati ufficialmente Lilli Lauro (FI) e Franco Senarega (Lega Nord). Significa che il Carroccio ha un nuovo consigliere in più (da 7 a 8) e il governatore Toti uno in meno. E, soprattutto, che entrano di diritto i primi dei non eletti. Ossia i candidati che, democraticamente, hanno ottenuto le preferenze dai cittadini. Tuttavia, se la Lega Nord è più forte in aula, gli equilibri di maggioranza non cambiano perché l’alleanza nel centrodestra al momento appare compatta. La surroga dei consiglieri è stata contestata da M5S, Pd e Rete a Sinistra, che hanno polemizzato sui costi della politica.

Lilli Lauro, candidata di punta del segretario regionale FI Sandro Biasotti, rimane capogruppo Pdl in Comune a Genova: “Il mio impegno continua a Tursi nel rispetto del patto stretto con gli elettori genovesi. Strano che la sinistra abbia eccepito la surroga dei consiglieri, considerato che la norma era stata approvata da loro proprio per alleggerire l’impegno degli assessori”.

Franco Senarega, consigliere comunale a Recco e fedelissimo del leader leghista Matteo Salvini, ha spiegato: “La priorità è quella di difendere economia e lavoro, dagli edili alle micro e piccole imprese, agli artigiani. Andiamo avanti con il programma del gruppo e dell’assessore allo Sviluppo economico Edoardo Rixi. Con il cambiamento avvenuto, la Regione potrà essere governata molto meglio nell’interesse dei liguri”. Fabrizio Graffione

LASCIA UN COMMENTO