Regazzoni (Pd) apre a Toti: su immigrazione qualche idea condivisibile

0
CONDIVIDI
Il candidato sindaco per le primarie del Pd a Genova, Simone Regazzoni

GENOVA. 13 SET. Ieri, nel corso di un vertice trilaterale dei governatori del centrodestra del Nord, il Presidente Toti ha presentato “La Carta di Genova”, un documento congiunto sull’immigrazione elaborato insieme al Governatore della Lombardia Roberto Maroni e a quello del Veneto Luca Zaia. Oggi il candidato sindaco alle primarie del Pd per Genova, Simone Regazzoni, ha “aperto” al centrodestra per discutere dell’importante problema.

“È chiaro a tutti coloro che rivestono ruoli politici, o si candidano a rivestirli, che il tema dell’immigrazione – ha spiegato Regazzoni – occupa oggi un posto importante nel dibattito politico ed è un problema ineludibile nell’amministrazione del territorio.

I 9 punti della “Carta di Genova” presentano diverse debolezze, qualche idea condivisibile e, in alcuni casi, proposte irricevibili. E tuttavia, credo che chiunque abbia a cuore, oggi, il futuro della nostra città non possa semplicemente esorcizzare o liquidare come inconsistenti le proposte avanzate da chi governa la Regione.

 

Dobbiamo aprire una nuova stagione politica in cui, pur nella differenza delle posizioni, vi sia lo spazio, su alcuni temi che toccano il futuro della nostra comunità, per un confronto franco e costruttivo. La logica del muro contro muro, dello scontro ideologico “a prescindere”, va abbandonata. Dobbiamo coltivare la logica della dialettica democratica.

Credo che la “Carta di Genova”, presentata dai sui estensori come un documento per un dibattito costruttivo, possa essere l’occasione per aprire, a Genova, con il centrodestra e il Governatore Toti, un confronto sul merito che contribuisca a un governo efficace del fenomeno immigrazione sul nostro territorio”.

 

LASCIA UN COMMENTO