Racket estorsioni agli anziani, arrestata una donna genovese

0
CONDIVIDI
Badante genovese picchiava disabile che accudiva: presa dai carabinieri
I carabinieri hanno arrestato una 46enne genovese, condannata per un giro di estorsioni ai dnani di anziani fra Ovada e
I carabinieri hanno arrestato una 46enne genovese, condannata per un giro di estorsioni ai danni di anziani fra Ovada e Torriglia

GENOVA. 8 APR. Stamane i carabinieri del nucleo Investigativo di Genova hanno arrestato a Ronco Scrivia la genovese A.S., di 46 anni, su ordine di carcerazione emesso dalla procura  generale della Repubblica, dovendo scontare la pena di anni 4 e  giorni 17 di reclusione per  una condanna, diventata definitiva, inerente delle estorsioni aggravate commesse  nel 1997  a Torriglia ed Ovada.

La donna, insieme al compagno, dopo essersi trasferiti da Genova ad Ovada, avevano messo a segno una serie di minacce, estorsioni e attentati incendiari nei confronti di anziani soli, che per paura di essere uccisi accettavano di pagare diversi milioni di lire ogni mese.

Le indagini condotte dai carabinieri di Acqui terme ed Ovada, avevano evidenziato che la coppia, insieme ad altri complici, aveva formato una vera e propria banda specializzata nelle estorsioni.

 

L’attività investigativa, scaturita dall’incendio doloso in un abitazione di un anziano del centro di Ovada, aveva fatto emergere che la vittima aveva ricevuto in precedenza minacce telefoniche e richieste di denaro, un’altra vittima aveva subito l’incendio dell’autovettura e ad un altra vittima avevano fatto trovare fuori della porta dell’abitazione un’orata, con l’amo e un pezzo di lenza in bocca.

In un altro caso, un anziano genovese aveva consegnato 30 milioni di lire ai malfattori, poiché gli avevano fatto credere che gli esattori che ritiravano il denaro erano appartenenti ad una nota famiglia malavitosa di Genova, risultata invece estranea alla vicenda.

La donna è stata rinchiusa nel carcere di Pontedecimo.

LASCIA UN COMMENTO