Quartetto del Teatro San Carlo e Yevgeny Sudbin alla GOG

0
CONDIVIDI
I Quartetti di Sostakovic
I Quartetti di Sostakovic
I Quartetti di Sostakovic

GENOVA. 9 APR. Lunedì, 11 aprile al Teatro Carlo Felice alle ore 21,00 la Gog propone un concertoinserito nel contesto del ciclo “I Quartetti di Šostakovič” che vede esibirsi per la prima volta sul palco sia il Quartetto del Teatro San Carlo sia il talentuoso pianista Yevgenij Sudbin che insieme eseguiranno il Quintetto op. 34 di Brahms per poi lasciare spazio all’esecuzione del SestoQuartetto di Šostakovič.

Il Quartetto del Teatro San Carlo è formato da musicisti vincitori di concorsi internazionali, Cecilia Laca, Luigi Buonomo, Antonio Bossone e Luca Signorini. Già vincitori di concorsi internazionali, i musicisti portano in dote al Quartetto un ricco bagaglio di esperienze individuali da solisti, ospiti nelle sale da concerto più importanti della scena internazionale, forti anche dell’esperienza come prime parti all’interno della compagine stabile del Lirico.

Un percorso tecnico ed espressivo condiviso, che porterà i quattro artisti alla maturazione di una personale intenzione interpretativa, partendo proprio da quelle naturali affinità musicali consolidate nel tempo al San Carlo, trasferendo nel genere cameristico la qualità artistica e professionale delle prime parti dell’Orchestra del Teatro lirico partenopeo. Il repertorio è versatile e spazia dai classici ai contemporanei.

 

Sudbin è nato a Leningrado, è stato ammesso nel 1987 alla scuola specialistica di musica del conservatorio cittadino. Ha proseguito gli studi a Berlino e poi a Londra, dove si è formato alla Royal Academy of Music. In seguito ad un suo concerto al Verbier Festival nel 2006, il Daily Telegraph ha scritto: “Sudbin possiede il grande pregio di un acuto senso della caratterizzazione, che rende non solo la cifra della musica attraverso la sua magistrale tecnica, ma anche lo spirito attraverso l’intuizione e l’ispirazione”. Yevgeny esibisce regolarmente nei più prestigiose sale e festival del mondo sia in recital sia con orchestra, collaborando con alcuni dei direttori più importanti, come ad esempio Neeme Järvi, Charles Dutoit, e Vladimir Ashkenazy.

Il suo amore per la musica da camera lo ha portato a suonare con molti altri musicisti tra cui Alexander Chaushian, Ilya Gringolts, Hilary Hahn, Julia Fischer, il Chilingirian Quartet e molti altri. Apparizioni a festival includono Aspen, Mostly Mozart, Tivoli, Nohant, La Roque d’Antheron, Mentone e Verbier.
FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO