Home Cultura Cultura Genova

QUANDO L’ARTE SPOSA LA TECNOLOGIA, NOVITA’ AI MUSEI DI STRADA NUOVA

0
CONDIVIDI

CVL_7740GENOVA 31 OTT. Dopo Palazzo Rosso anche i Musei di Strada Nuova saranno dotati di un’innovativa rete di sensori in grado di monitorare sistematicamente alcuni parametri fondamentali per la conservazione dei beni storico-artistici. Art-Keep (custode dell’arte) è il sistema di monitoraggio sviluppato da Montalbano Technology, già posizionato nelle sale di Palazzo Rosso, che verrà esteso a livello applicativo anche alle altre sedi del polo museale di Via Garibaldi: Palazzo Bianco e Palazzo Tursi.

Il progetto è stato presentato giovedì 31 ottobre a Palazzo Rosso nel corso della conferenza “Arte e Tecnologia. Racconto di una partnership pubblico-privata per la valorizzazione del patrimonio culturale”, all’interno del programma del Festival della Scienza. Hanno partecipato Carla Sibilla (assessore alla cultura e turismo del Comune di Genova), Maria Cristina Cedrini (Fondazione Bracco), Alfonso Fuggetta (Politecnico Milano), Guido Gandino e Rinaldo Sironi (Comune di Genova) e Francesco Lertora (Montalbano Technology).

Il progetto, nato a favore del Comune di Genova – Assessorato alla Cultura e Turismo – nel 2012 per la valorizzazione delle residenze nobiliari dei Musei di Strada Nuova di Genova e sostenuto da Fondazione Bracco, che prosegue così nel suo impegno, ha l’obiettivo sia di garantire un’adeguata conservazione delle opere d’arte esposte ai fattori ambientali, tramite le nuove tecnologie, sia di trasformare il museo da luogo di contemplazione a organismo sensibile che trova nell’interazione del visitatore la sua missione più evidente.
Una serie di sensori wireless per il rilevamento della temperatura e dell’umidità sono posizionati in sale al momento sprovviste di qualsiasi tipo di monitoraggio ambientale. Questi dispositivi inviano in tempo reale i dati a una centrale in grado di attivare automaticamente allarmi via sms e via e-mail e di renderli consultabili attraverso la rete web. Questo sistema offre la possibilità di dotare il Museo anche di una copertura WiFi: l’accesso a internet rappresenta una rivoluzione nell’esperienza museale che diviene attiva e partecipata. Il visitatore può infatti essere guidato nella fruizione del patrimonio artistico, vivere le opere, vederne i particolari, ma anche diffonderle tramite i social networks.
Con la soluzione Art-Keep, i Musei di Strada Nuova (Palazzo Rosso, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi) si collocano tra i più importanti complessi museali italiani ad essere dotati di un sistema per il monitoraggio del microclima, un fattore di assoluta rilevanza per la conservazione ottimale dei beni artistici collocati nelle grandi sale.


Un primo passo verso un monitoraggio più ampio e completo. Art-Keep è in grado di monitorare anche altri parametri critici, quali ad esempio la situazione strutturale di costruzioni storiche e di palazzi artistici, che abbiano subito lesioni da eventi violenti come terremoti e altro.

Questa iniziativa che sarà portata alla definitiva ultimazione nel 2014/2015, rappresenta la prosecuzione di un innovativo percorso che vede Fondazione Bracco ed il Comune di Genova coinvolti in partnership per promuovere l’idea di un museo meglio protetto e conservato e contemporaneamente interattivo, avvalendosi anche delle competenze tecniche di Montalbano Technology.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here