Home Cronaca Cronaca Italia

“INFILTRAZIONI MAFIOSE A CELLE LIGURE”. DENUNCIA DELLA CASA DELLA LEGALITA’ E CULTURA

0
CONDIVIDI
INFILTRAZIONI MAFIOSE A CELLE LIGURE. DENUNCIA DELLA CASA DELLA LEGALITA E CULTURA

oni mafiose negli appalti pubblici e di corruzione nell’illegalità diffusa in ambienti edilizi di Celle Ligure. In particolare, spiega il dirigente del movimento antimafie Christian Abbondanza in Largo Giolitti nella cittadina del savonese, l’attenzione è stata rivolta a due vicende edilizio-urbanistiche: il Pennello Bouffou, la lingua di terra e roccia artificiale che si spinge in mare presso Celle per contrastare l’erosione delle spiagge limitrofe costruita dalla Società Co.For. e il riuso urbano del Rilevato ferroviario in Largo Giolitti, cioè un edificio costruito sul sovrappasso della linea ferroviaria a cui sarebbe stata data una destinazione d’uso differente dal Piano urbanistico del Comune. Coinvolta la Società LCI, ora Pietro Pesce S.p.A. Ad Abbondanza risponde per le rime il Sindaco di Celle Ligure Remo Zunino: “Non c’è una matita o una biro acquistata dal Comune che non venga inserita in note spese fatte seguendo la legge, figuriamoci le infiltrazioni mafiose!”. Durante l’incontro stampa con Abbondanza e il suo staff di segugi della “puzza di mafiosità” in giro per Liguria e Italia, sono state illustrate però le circostanziate denunce presentate dalla Casa della Legalità all’Autorità Giudiziaria di Savona in merito ai due casi segnalati, Procura a cui ora spetta di fare debita chiarezza su quanto espresso dai denuncianti. Marcello Di Meglio (nella foto Christian Abbondanza oggi alla conferenza stampa di Celle Ligure)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here