Puccini e Shakespeare al Teatro Verdi

0
CONDIVIDI
La Bohème
La Bohème
La Bohème

GENOVA. 12 OTT. Il Teatro Verdi di Sestri Ponente inizia la sua stagione con due importanti appuntamenti culturali: Martedì 13 ottobre – ore 16.00 dal Metropolitan di New York verrà proiettata La Bohème di Giacomo Puccini. Ispirato al romanzo di Henri Murger “Scènes de la vie de bohème”, il libretto ebbe una gestazione abbastanza laboriosa, per la difficoltà di adattare le situazioni e i personaggi del testo originario ai rigidi schemi e all’intelaiatura di un’opera musicale. L’orchestrazione della partitura procedette invece speditamente e fu completata nel dicembre 1895.

Direttore di questa edizione è Stefano Ranzani, mentre la regia è quella di Franco Zeffirelli sul palco l’eccezionale cast formato da Anita Harting, Sunanna Phillips, Vittorio Grigolo.

Mentre Domenica 18 Ottobre – ore 16.00, la Compagnia La Pozzanghera porta in scena Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare. Commedia che non si sa esattamente quando fu scritta o messa in scena per la prima volta, ma si presume tra il 1594 e il 1596 forse in occasione del matrimonio tra Sir Thomas Berkeley ed Elizabeth Carey.

 

Non è certo quale genere abbia ispirato la trama, anche se alcuni spunti sono rintracciabili nella letteratura classica; ad esempio, la storia di Piramo e Tisbe è raccontata nelle Metamorfosi di Ovidio, mentre la trasformazione della testa di Nick Bottom in quella di un asino è un riferimento a L’asino d’oro di Apuleio – due opere letterarie che Shakespeare può aver studiato a scuola.

Oltre a ciò, più o meno nello stesso periodo nel quale questa commedia fu composta, Shakespeare stava scrivendo Romeo e Giulietta, ed è possibile rilevare nella trama che ha per protagonisti Piramo e Tisbe una rielaborazione in chiave comica della tragedia.

Ma il fascino di “Sogno di una notte di mezza Estate” sta sicuramente in parte nel fatto che rappresenta il mondo dei sogni. Gli elfi, le fate, i folletti e quello che dietro, di inconscio, si nasconde.

L’adattamento di questa messa in scena è di Lidia Giannuzzi, sul palco Domenico Baldini, Bruno Demartini, Francesco Giacobbe, Lidia Giannuzzi, Martina Pittaluga, Elisabetta Rovetta.

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO