Home Politica Politica Genova

PROVINCIA. IL COMMISSARIO FOSSATI CONTROBATTE L’OSSERVATORIO NAUTICO ED ELOGIA LA GUARDIA DI FINANZA: “INTOLLERABILE DEFINIRE CLIMA DI TERRORISMO FISCALE”

1
CONDIVIDI

GENOVA. 21 AGO. Una presa di posizione chiara e netta: “intollerabile e ingiustificato definire ‘clima di terrorismo fiscale’ ai danni dei diportisti, l’opera dei Finanzieri che agiscono nel rispetto dei loro doveri istituzionali ai quali sono chiamati dallo Stato” dice il commissario della Provincia di Genova, Piero Fossati che sul giudizio “pesantemente negativo e assolutamente non condivisibile” dell’Osservatorio Nautico Nazionale, interviene con una lettera al generale Flavio Zanini, comandante regionale della Guardia di Finanza.

“Desidero esprimere a Lei e a tutto il personale della Guardia di Finanza – si legge nella nota – apprezzamento e plauso per l’azione che meritoriamente le ‘Fiamme Gialle’ svolgono ogni giorno con grande impegno ed efficacia per contrastare l’evasione fiscale, uno dei peggiori mali che affliggono il nostro Paese, come hanno più volte ribadito con molta nettezza sia il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che il Presidente del Consiglio Mario Monti”.

“Mi ha per questo sorpreso molto spiacevolmente apprendere da notizie di stampa che l’Osservatorio Nautico Nazionale, centro studi al quale anche la Provincia di Genova ha contribuito a dar vita, abbia espresso un giudizio pesantemente negativo e assolutamente non condivisibile sui controlli della Guardia di Finanza nel settore nautico”.


Giudizio che il commissario della Provincia ritiene “un’esasperazione del tutto ingiustificata e intollerabile. La nautica, come tutta la rete delle attività marittimo-portuali alla quale la Provincia di Genova è da sempre fortemente impegnata a dare impulso e sostegno concreti, è cruciale per l’economia, il turismo, le professionalità e l’occupazione generate del nostro Paese, ma le difficoltà che colpiscono duramente anche questo settore nella pesantissima crisi mondiale, non possono certo essere attribuite ai controlli fiscali, tanto meno in una indagine di un organismo che insieme all’Unione dei costruttori delle imbarcazioni da diporto (Ucina) vede rappresentanze, dall’Università alla Provincia di Genova, all’Accademia Italiana della Marina Mercantile, di soggetti istituzionali che ben conoscono quanto sia significativo e insostituibile il lavoro della Guardia di Finanza nel rispetto del dovere costituzionale per ogni cittadino di contribuire al sostegno del proprio Paese, pagando le tasse”.

1 COMMENTO

  1. Fa presto a parlare il presidente della provincia Fossati, tanto lui lo stipendio ce l’ha e fa quello che vuole. Io che faccio l’operario in un rimessaggio la crisi la vedo e la sento.
    Tutti rimandano i lavori alle barche, altro che evasione i soldi non ci sono e quando le fiamme gialle fanno delle multe salate, il proprietario della barca non fa i lavori.
    Eppoi quanto costano questi finanzieri? Ci sono piu militari che gente mnormale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here