Protesta di Casapound, il nostro mare non si svende

0
CONDIVIDI
Casapound, il nostro mare non si vende
Casapound, il nostro mare non si vende
Casapound, il nostro mare non si vende

GENOVA. 28 GEN. “Il nostro mare non si svende” è con questa frase che CasaPound protesta contro l’accordo Italia-Francia per i confini marini.

Il messaggio è stato lanciato da CasaPound Italia Liguria con gli striscioni affissi nella notte tra il 26 e il 27 gennaio a Genova e La Spezia per protestare contro l’accordo tra Francia e Governo Renzi sulla riduzione del confine italiano a largo di Nizza.

CasaPound in una nota denuncia “la debolezza del governo Pd, l’assenza di controllo da parte della nuova Giunta regionale e l’arroganza delle forze dell’ordine francesi” e sottolinea come “40 famiglie di pescatori italiani che da sempre hanno nel tratto di mare oggi ceduto la principale fonte di sostentamento debbano ora far fronte ora alle sanzioni francesi e al mancato guadagno”. “E’ l’ennesima vergogna di un paese senza guida politica, in balia e succube di qualsiasi interesse straniero”, conclude Casa Pound.

LASCIA UN COMMENTO