Home Cronaca Cronaca Italia

Prosegue senza sosta l’arrivo di migranti: 8.500 su navi Gc ed ong

55
CONDIVIDI
Prosegue senza sosta l’arrivo di migranti: 8500 su navi Gc ed ong

SIRACUSA. 27 GIU. Prosegue senza sosta l’arrivo di migranti dalla Libia verso l’Italia. Solo nella giornata di ieri, al largo delle coste libiche, ne sono stati trovati oltre 5.000. Sono complessivamente 8.500 quelli che si trovano a bordo delle navi dei soccorritori che stanno ora facendo rotta ora verso porti italiani.

I cinquemila soccorsi ieri navigavano a bordo di cinque barche e 18 gommoni, raggiunti dalla guardia costiera ed organizzazioni non governative e da alcuni rimorchiatori.

Gli 8.500 migranti, soccorsi negli ultimi due giorni, sono a bordo di 14 navi: sei di queste hanno già fatto ingresso o stanno per entrare in porti di Sicilia e Calabria; le altre otto sono ancora in navigazione a largo delle coste italiane.


Continuano gli sbarchi in Sicilia dove oggi è previsto l’arrivo in quattro porti, complessivamente di 2.786 migranti, recuperati in 21 interventi.

Sul vascello della marina militare irlandese Lé Eithne ad Agusta (Siracusa) si trovano 712 persone trovate in sei operazioni di salvataggio nel mare Mediterraneo.

A Messina arriva nave Phoenix dell’ong Moas che ha a bordo 423 extracomunitari, recuperati durante tre operazioni di salvataggio.

A Palermo sbarcheranno dalla Vos Prudence di Medici senza frontiere 861 migranti, salvati in otto operazioni di soccorso.

A Catania sta per approdare nave U. Diciotti della guardia costiera che ha recuperato 790 persone in quattro soccorsi in mare.

55 COMMENTI

    • La guardia costiera ha l’obbligo per la legge del mare e la legge italiana di soccorrere chiunque sia in difficoltà. Italiani e no. Se però non si cambia la legge, e’ così.

  1. Guardino Giovanni
    Lettera copiata (non ho messo il nome per privacy): Gentile ******, sono la moglie di un comandante di marina mercantile, questa mattina mio marito telefonerà alla sua società per licenziarsi. Con la sua barca, un rimorchiatore, si trova al largo delle coste libiche, dove, negli ultimi anni c’è l’inferno dei cosiddetti sbarchi. Ci lavora da più di 10 anni ma nell’ultimo anno la situazione in quella zona è degenerata. Appena iniziano un lavoro, sono noleggiati dalle piattaforme petrolifere, vengono chiamati dai militari, in continuazione, ogni giorno,ogni minuto, per prendere le migliaia di disperati che i militari e ong non riescono a recuperare. La società lo minaccia come comandante di non lasciare il luogo dove stanno lavorando, pena il licenziamento e risarcimento danni per perdita di guadagni, la piattaforma lo minaccia, pena segnalazione alla società, i militari lo minacciano di denunciarlo e togliergli il titolo di comandante per omissione di soccorso. Questo ogni santo giorno e purtroppo non ce la fa più. Siamo genitori di una bambina gravemente disabile, già abbiamo una vita difficile, non può essere anche il lavoro fonte di preoccupazioni così forti. Mio marito ha sudato anni e anni per raggiungere il massimo della carriera, ha 39 anni, dovrebbe godersi quello ha, invece no, grazie a questo governo schifoso viviamo questo incubo. Da domani voglio anche io i 35 euro al giorno per 3 persone, almeno finchè non trova un altro lavoro, cosa non facilissima come sappiamo. Li voglio dalla Boldrini, Renzi, Gentiloni e tutti quelli che avallano quesa carneficina, non stanno morendo solo i disperati che partono dall’Africa, ma anche noi!

  2. La Guardia Costiera deve sorvegliare e difendere le nostre coste, NON fare da traghettatori di clandestini invasori andandoli a prendere sulle coste libiche. TRADITORI che disonorano la divisa che indossano!

    • Maria Rita Niceforo Ma cosa dici? Sei stupida tu o credi che lo sia io? Idee personali? Studiati le leggi per come sono vera mente, non ripetere come un pappagallo i soliti, vuoti, slogan!!!

    • Enrico Giorgi traditori, alla guardia costiera, lo ha detto lei. Mio nonno aveva una nave da carico e in seguito mio papà, capitani entrambi hanno sempre navigato nel mediterraneo. Quindi, già per famiglia, ho una cultura sulle leggi del mare che pochi hanno. Anche per istruzione personale conosco bene le leggi ma qui si parlava di quelle del mare. Noto che la sua cultura e la sua educazione la portano a dare della stupida. Io non la conosco ma dal momento che me lo dice lei, non mi offendo e la prego non mi risponda. Io termino qui.

    • Enrico Giorgi aspetto che riporti qui sotto i riferimenti legislativi di cui parla. sarebbero argomenti e letture piu’ interessanti e dignitose rispetto agli epiteti di stupida senza alcun supporto oggettivo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here