Home Hi-Tech Hi-Tech Italia

Progetto Tablet – SDI Mobile della polizia

0
CONDIVIDI
Progetto Tablet - SDI Mobile della polizia

GENOVA. 11 MAG. La polizia ha potenziato i sistemi operativi delle autovetture destinate al controllo del territorio utilizzando strumenti informatici evoluti che garantiscono ai cittadini minori tempi di attesa in caso di controllo su strada e agli operatori un maggiore livello di sicurezza e di gestione delle emergenze.

A queste finalità risponde il progetto MERCURIO – SDI MOBILE elaborato dal Servizio Controllo del Territorio della Direzione Centrale Anticrimine in collaborazione con EVIVA, società di Milano che si occupa della commercializzazione di gas ed energia elettrica.

EVIVA ha concesso in comodato d’uso gratuito alla Polizia di Stato 290 Tablet, le cui funzionalità si possono così sinteticamente riassumere:


Localizzazione delle autovetture dotate di Tablet da parte della Centrale Operativa attraverso il GPS presente nell’apparato. Trattandosi di un dispositivo mobile, la localizzazione avviene anche per la pattuglia che ha lasciato l’autovettura con il Tablet al seguito.
Interrogazioni alle banche dati delle forze dell’ordine direttamente a bordo tramite il Tablet.

Interoperabilità con il MIPGWeb e applicativi C.O.T.
Possibilità di connettersi con il portale della Direzione Centrale Anticrimine per scaricare le check list per i controlli amministrativi degli esercizi commerciali (sale giochi – internet point – compro oro – rivendite di auto usate).

Trasmissione di fotografie per le ricerche di persone o autoveicoli.
Redazione della relazione di servizio di fine turno tramite il Tablet senza la necessità di abbandonare la zona di pattugliamento.

Controllo automatizzato delle targhe per il riconoscimento delle autovetture segnalate come rubate.

In Liguria, il Reparto Prevenzione Crimine è stato dotato di 8 dispositivi del Progetto Mercurio e di altri 15 tablet Sdi Mobile.

Le Questure di Genova e Savona sono dotate rispettivamente di 17 e 6 tablet Sdi-Mobile, che hanno consentito un incremento nel numero delle persone (+11,13%) e delle autovetture controllate (+39,67%) nei primi quattro mesi del 2017 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Oggi in Questura sono state illustrate le funzionalità del Tablet e del sistema Mercurio con l’intervento del Direttore Centrale del Controllo del Territorio, dr Maurizio Vallone, dell’Amministratore Delegato della società EVIVA, dr. Carlo Bagnasco e dell’Amministratore Unico della Società Prassel, dr Claudio Butturini, partner del progetto Mercurio, nonché del dr. Enzo D’Antona della Società Sintel.

“Eviva si è sempre dimostrata un partner dotato di forte dinamismo, con una grande capacità di progettualità nonché forte determinazione nel raggiungere gli obiettivi, capace di abbracciare e coinvolgere persone e progetti anche distanti. Tutto ciò la rende per noi un alleato prezioso”, ha commentato il dr. Maurizio Vallone, Direttore Centrale del Controllo del Territorio.

Carlo Bagnasco, Amministratore Delegato di EVIVA, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di aver contribuito a rendere più agevole il lavoro di persone che ogni giorno fanno sforzi immani per garantire la sicurezza di tutti noi. Crediamo fermamente nella possibilità reale di avere un impatto sulla società e lo stiamo facendo cercando di supportare progetti che siano in linea con i valori aziendali di correttezza, trasparenza ed eticità”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here