Pro Vercelli-Spezia, Di Carlo “Lottato Su un Campo Ostico”

0
CONDIVIDI
Mimmo Di Carlo
Mimmo Di Carlo
Mimmo Di Carlo

LA SPEZIA 24 GEN. Torna alla vittoria lo Spezia di Mimmo Di Carlo, che espugnano l’ostico “Piola” di Vercelli nonostante le diverse assenze, salendo così a quota 30 punti in classifica, per la soddisfazione del tecnico di Cassino: “Voglio farei i complimenti ai miei ragazzi, perchè dopo l’immeritata eliminazione dalla TIM Cup, sono stati bravi ad interpretare bene la gara di oggi, un match sul quale le scorie psicologiche di lunedì sera avrebbero potuto gravare, ma così non è stato e siamo riusciti a portare a casa tre punti fondamentali su un campo molto difficile e contro una squadra sempre complicata da affrontare, capace di mettere sul terreno di gioco ritmo e fisicità.

Siamo rimasti sempre lucidi e concentrati, bravi ad approfittare degli episodi che sono arrivati in nostro favore ed a trovare un bellissimo gol al termine di una bella azione corale in velocità; credo che sia un successo meritato, perchè oggi lo Spezia ha dimostrato grande compattezza ed a saputo colpire nel momento giusto, pur su un terreno sintetico dove storicamente non siamo mai riusciti a cogliere risultati positivi.

Ovvio che il nostro percorso di crescita è ancora lungo, dobbiamo lavorare per migliorare sotto tanti aspetti, ma oggi il dato positivo, oltre ai tre punti, è che la squadra ha dimostrato di avere gli attributi, di saper reagire dopo una situazione difficile e di saper riproporre in campo quanto provato durante la settimana; quando si perde, non c’è niente di meglio che ripartire con una vittoria, perchè consente di rialzare subito il morale e con il morale alto si lavora meglio e tutto appare più semplice.

 

Questo è un collettivo con qualità importanti, però non sempre siamo riusciti ad esprimerle, pertanto il nostro compito è quello di aiutare i ragazzi a fare del proprio meglio, lavorando quotidianamente per far rendere nel migliore dei modi questa squadra, solo così le qualità dei singoli riusciranno a fare la differenza.

La Pro Vercelli oggi ha lottato, ma ha trovato di fronte uno Spezia caparbio che voleva portare a casa l’intera posta in palio e che con carattere ci è riuscito: il campionato di Serie B è lunghissimo, dobbiamo guardare una partita alla volta, capire i nostri errori e cercare di migliorarci, cercando di assorbire di volta in volta i carichi di lavoro e di sfruttarli in gara per avere ragione dell’avversario di turno.

Nel calcio le rimonte fanno parte del gioco e questo campionato riserva sempre tantissime sorprese, ma al momento dobbiamo concentrarci sul migliorare nel ritmo e nel mettere in condizione i calciatori migliori di fare la differenza; oggi lo Spezia ha 30 punti, quelli che si è meritato durante la prima parte del campionato, ed il primo obiettivo è quello di arrivare al più presto a quota 52, poi cercheremo di fare un ulteriore passo in avanti, sfruttando il lavoro che stiamo svolgendo e che proseguiremo anche nelle prossime settimane.

Quella dello Spezia è una società ambiziosa, così come lo sono io e come lo sono anche i ragazzi, pertanto è normale che si vogliano raggiungere risultati importanti, ma dobbiamo restare umili, pensare a curarsi e solo in seguito potremo pensare ad altro.

I tifosi? Siamo arrabbiati e rammaricati per l’epilogo della gara di TIM Cup e sappiamo che per riconquistarli dovremo fare ciò che abbiamo fatto qui a Vercelli, ovvero scendere in campo determinati a portare a casa i tre punti, fornendo una prestazione piena di grinta e cuore; dobbiamo guardare avanti, sappiamo bene in cosa dobbiamo migliorare e faremo del nostro meglio per continuare sulla strada giusta.

Il mercato? Oggi ha segnato Pulzetti, un ragazzo molto importante per noi, arrivato nei primi giorni del mercato e che nonostante non scendesse il campo da sei mesi, è stato protagonista di tre gare in pochi giorni ed oggi è riuscito anche a segnare il gol che ci ha regalato questa importantissima vittoria; oltre a lui sono arrivati De Col ed Antonio Piccolo, pertanto se arriveranno altri calciatori, sarà solo perchè qualcuno sarà stato ceduto ed avremmo bisogno di un sostituto”.

LASCIA UN COMMENTO