Primo “Shark Meeting” a Voltri: auto 4×4 sulla spiaggia del ponente genovese

0
CONDIVIDI
Primo “Shark Meeting” a Voltri: auto 4x4 sulla spiaggia del ponente genovese

GENOVA. 4 OTT. Per un fine settimana la spiaggia di Voltri si è trasformata in un grande circuito fuoristrada dove mezzi a trazione integrale si sono esibiti in percorsi dalle differenti difficoltà che ai non più giovanissimi hanno riportato alla mente le immagini del “Camel Trophy”…

Un evento organizzato dal Club “Genova Fuoristrada” che ha richiamato oltre cento auto dalla Liguria ma anche da regioni limitrofe ed anche dall’estero con una delegazione svizzera. Un grande impegno profuso dal club per creare un evento del tutto nuovo per Genova, in grado di richiamare non solo gli appassionati ma anche i curiosi che hanno potuto osservare uno spettacolo unico sull’arenile ponentino.

“Guidare sulla sabbia è un’esperienza unica e impagabile per chi sia appassionato”, spiega Daniele Giacinto vice presidente del club organizzatore, “ma anche potersi misurare con le diverse difficoltà di guida è sempre molto avvincente per chi ami le auto a trazione integrale”.

 

La soddisfazione è evidente per la tantissima gente che ha affollato la passeggiata di Voltri ed i molti che hanno effettuato un giro a fianco agli esperti piloti del club. Sono state oltre centoventi le persone che hanno effettuato qualche giro sul tracciato. A fronte di questo, gli organizzatori non hanno chiesto un contributo in denaro per il club ma hanno dirottato le offerte verso i molti progetti di Padre Gabriele della parrocchia di N.S. degli Angeli.

Tutta la delegazione si è trovata coinvolta nella manifestazione, a partire dagli operatori economici che per l’occasione hanno mantenuto gli esercizi aperti, i punti di ristoro hanno realizzato una convenzione per i partecipanti e, lo sforzo comune di tutti ha permesso di raggiungere un ottimo risultato. Il Club “Genova Fuoristrada” ha ormai grande esperienza nell’organizzazione di eventi simili: lo scorso anno a Varazze e nel 2014 a Chiavari, le ruote artigliate si sono date appuntamento per cimentarsi su differenti percorsi. “Non una gara, ma la voglia di sperimentare la propria abilità di guida su tracciati impervi”, prosegue Giacinto, “con uno spirito di collaborazione e di aiuto recirpoco”. La ricerca di strade bianche ha portato il club del capoluogo ligure a realizzare itinerari interamente in fuoristrada sia in Liguria che all’estero: “Abbiamo portato 31 auto per quattro giorni sugli sterrati della Corsica, un’esperienza davvero molto bella non solo per la guida ma per l’atmosfera che si è creata tra i partecipanti”, afferma con soddisfazione il nostro interlocutore, segno tangibile che la passione non è solo limitata ad un volante ed alle marce ridotte ma è soprattutto la voglia di condividere con gli altri ciò che ci sta a cuore.

Un evento che ha attratto molti tra appassionati e semplici curiosi, che ha coinvolto l’intera delegazione ed ha realizzato un piccolo contributo per chi quotidianamente si occupi di disagio. Da ultimo occorre ricordare che anche la spiaggia, dopo lo smantellamento del percorso è migliorata di molto, grazie al ripascimento effettuato con la sabbia riportata. Nonostante la fatica fatta per la creazione di questa prima edizione voltrese, l’entusiasmo del risultato spinge già il direttivo del club verso nuove iniziative che possano coniugare la passione per i motori, il divertimento e qualcosa di utile per la società civile. Adesso aspettiamo solo che si ingrani la marcia verso il prossimo evento.

Roberto Polleri (foto di Tamara Bruzzone ed Elvio Picchia)

LASCIA UN COMMENTO