Home Sport Sport Genova

Preziosi contestato da tifosi e lui: “Ultrà vanno cancellati dalla storia”

2
CONDIVIDI
Genoa, contestazione a Preziosi

GENOVA. 2 APR. I tifosi del Genoa sono davvero arrabbiati, sia con patron Preziosi, sia con la squadra a tal punto che malgrado la promessa di contestare il presidente Preziosi e non la squadra, sul risultato di 0-3, tutta la Gradinata Nord, ha deciso di voltare le spalle al campo e ai giocatori che a fine partita sono andati sotto la gradinata ma hanno ricevuto solo insulti e l’invito ad andarsene.

A caldo parla anche il presidente Preziosi: “Abbiamo toccato il fondo. Ci sono partite che non si possono discutere. Questa è la nostra situazione, ma dobbiamo andare avanti”. Poi la rabbia verso i tifosi: “Gli insulti personali e quelli verso la mia famiglia mi fanno arrabbiare veramente”.

In merito alla richiesta dei tifosi di allontanarsi dal Genoa risponde “Li accontenteremo. Vogliono che non ci sia io? Allora verrà qualcun’altro. E se verrà qualcuno buona fortuna. Sarà poi il tempo a giudicare”.


Preziosi ce l’ha col tifo organizzato degli ultras che lo contesta per la società e lo insulta. “Quegli ultrà vanno cancellati dalla storia – esclama il massimo dirigente del Grifone. Sono i genoani che devono portare rispetto al sottoscritto: io merito rispetto, loro no. Contestazione dura? No, oggi contestazione maleducata e incivile. Io non sono un ‘figlio di…’ casomai lo sono loro non io. Sono pronto ad affrontarli in qualsiasi momento, non mi fanno paura. C’è però anche una parte sana del tifo ma fanno più rumore tre piante che cadono rispetto a mille che crescono”.

“Poi prosegue Preziosi – smettiamola con questa storia, io debiti non ne ho. Posso dire che venderò la società senza una lira di debito. I soldi li ho sempre messi io e lo farò anche quest’anno. Di certo non sono io il problema”.

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here