Home Cronaca Cronaca Italia

PRESENTATI IL NUOVO LABORATORIO DEL CBA E I RISULTATI OTTENUTI

0
CONDIVIDI
PRESENTATI IL NUOVO LABORATORIO DEL CBA E I RISULTATI OTTENUTI

fondi Cipe e della Fondazione Carige.
Il direttore della struttura, il Dottor Paolo Rolleri, ha illustrato in sintesi le novit? che hanno caratterizzato l’ultimo periodo che possono essere raggruppate in tre voci: “attivit? diagnostica”, “risorse umane” e “brevetti e spin-off”.

L’attivit? di diagnostica si sviluppa principalmente nella “Real Time PCR”, ovvero un sistema di diagnostica in tempo reale per quanto riguarda le meningiti o quelle infezioni in cui possono incorrere i pazienti che hanno subito un trapianto; nello studio e nell’applicazione di sistemi diagnostici per quanto riguarda infezioni fungine in elementi immunocompromessi; nella standardizzazione delle procedure di diagnostica avanzata delle malattie linfoproliferative e nella creazione di un avanzatissimo polo di genomica, ovvero l’insieme di tutte quelle procedure per la determinazione e l’analisi del DNA e dell’ RNA utilizzando la biologia molecolare o le tecniche genetiche per capire come le informazioni contenute nel DNA vengano convertite nei meccanismi biologici.

Senz’altro la punta di diamante ? il laboratorio che utilizza la stazione GeneChip? della Affymetrix, apparecchiatura utilizzata per le analisi molecolari, sia a livello della ricerca, sia per le diagnosi precoci. Rolleri con orgoglio afferma che “Ce ne sono tre in tutta Italia, ma quella a Genova ? l’unica utilizzata a livello ospedaliero”. Lo staff di questo laboratorio ? composto dal Dott. Ulrich Pfeffer, Tedesco di Berlino e dalla Professoressa Enrica Lerma (nella foto) Italiana che, dopo aver passato come ricercatrice sei anni negli Stati Uniti, ha deciso di ritornare nel nostro paese. “Ecco la prima novit? in contro tendenza -esclama il relatore- in Italia si parla tanto di fuga di cervelli e invece la Professoressa Lerma ha deciso di ritornare in Italia per partecipare attivamente alla ricerca”. Un altro caso “d’importazione di cervelli” ? costituito dal Dottor William Blalock specializzato nel campo dell’immunoterapia dei tumori che lavora attivamente nello staff del Professor Luciano Zardi. Ma sono veramente tante le persone che lavorano nel campo della ricerca nel CBA, si parla addirittura di 65 giovani ricercatori assunti.


Si evidenzia la Dottoressa Mariangela Miele specializzata in chimica e biotecnologie farmaceutiche, responsabile scientifico di un progetto finalizzato allo sviluppo di nuove tecnologie per la produzione sintetica di tassolo, potente antitumorale, e di molecole biologiche che hanno una funzione simile.

Infine si parla di brevetti depositati e spin-off, anche perch? il CBA fa da ponte tra la ricerca, la sperimentazione e l’industria farmaceutica. Eccelle il laboratorio di biologia cellulare in cui si sono sviluppati tre sottoprogetti e relativi brevetti: il sottoprogetto 5 ad opera della Dottoressa Scarf? che riguarda un sistema innovativo per la valutazione della tossicit? delle polveri e la loro prevenzione; il sottoprogetto 13 della Professoressa Zocchi che riguarda lo studio delle cellule staminali adulte con particolare riguardo ad alcune sostanze presenti nel nostro organismo o in quelli pi? semplici ad azione antitumorale e infine il sottoprogetto 16 del Dottor Marco Giovine, uno spin-off, in pratica una costituzione di una societ? composta dai ricercatori, dal CBA, dal CNR e da aziende private finalizzata allo sviluppo di un sistema innovativo per la biodepurazione delle acque reflue urbane, il M.U.D.S, gi? in funzione a Rapallo ed sulla costiera Amalfitana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here