Poste nel mirino degli antagonisti, spunta secondo terrorista

0
CONDIVIDI
Allarme bomba a Castelletto
L'intervento delle forze dell'ordine per l'allarme bomba a Castelletto
L’intervento delle forze dell’ordine per l’allarme bomba a Castelletto

GENOVA. 10 GIU. Poste sotto attacco da parte degli antagonisti di area anarchica. Guarda e riguarda, scandaglia e scandaglia, alla fine in alcune immagini di altre telecamere della zona, è spuntato fuori il complice del terrorista che l’altra notte ha piazzato la bomba davanti all’ufficio postale di Spianata Castelletto. Come l’attentatore, ha però il volto coperto.

La Digos sta proseguendo le indagini per risalire agli autori e la procura genovese ha aperto un fascicolo per atto terroristico: “pericolo concreto”. Finora non c’è stata ancora nessuna rivendicazione ufficiale e gli investigatori indagano a 360 gradi.

Tuttavia, la pista più battuta è quella degli antagonisti di area anarchica torinesi, che come i No Borders genovesi, stanno facendo una campagna contro i centri di identificazione degli immigrati clandestini e quelle che, secondo loro, sono “deportazioni”  attuate, per l’appunto, anche con gli aerei della compagnia Mistral Air del gruppo Poste Italiane.

 

Genova non dimentica l’attentato al manager di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi, eseguito da due anarco insurrezionalisti torinesi, forse aiutati da qualcuno con base nella nostra città.

 

LASCIA UN COMMENTO