ARCHIVIO

Poste multilingue per gli arabi, ma non per i turisti tedeschi

[caption id="attachment_193634" align="alignleft" width="1000"] In piazza Cavour, a due passi da Acquario e Porto Antico, aperto l'ufficio postale multilingue, dove si parla italiano, inglese, francese, arabo e spagnolo, ma non il tedesco[/caption]

GENOVA. 7 MAR. Immigrati arabi e spagnoli "ok", turisti  tedeschi "raus". Gli addetti agli sportelli delle Poste parlano italiano, inglese, francese, spagnolo e l'arabo, ma non il tedesco. Oggi in piazza Cavour , cuore turistico della città a due passi dall'Acquario e dal Porto Antico, mete preferite dai crocieristi, è stato inaugurato il primo ufficio postale multilingue per i "foresti", ma non per i turisti di Svizzera, Germania, Austria, che a Genova portano soldi e sono in aumento.

L'ufficio al 35 rosso è stato scelto per attuare il "Progetto multilingua" di Poste Italiane, nato per favorire il processo di integrazione degli immigrati in Italia. Nella sede operano cinque dipendenti: due italiani, due marocchini, che oltre all'arabo parlano anche l'inglese e il francese, e uno ecuadoriano che parla lo spagnolo.