Post FB, Ilaria Cucchi nei guai per diffamazione

0
CONDIVIDI
Ilaria Cucchi su Facebook pubblica foto di un carabinieri indagato per il fratello
Ilaria Cucchi su Facebook pubblica foto di un carabiniere indagato per la morte del fratello Stefano: denunciata per diffamazione
Ilaria Cucchi su Facebook pubblica la foto di un carabiniere indagato per la morte del fratello Stefano: scatta la denuncia per diffamazione

ROMA. 5 GEN. Scatta la denuncia per diffamazione nei confronti di Ilaria Cucchi, che ha accusato un carabiniere di avere partecipato all’uccisione di suo fratello e l’altro giorno ha pubblicato sul suo profilo Facebook “Ilaria Cucchi, personaggio pubblico” la foto del pubblico ufficiale, in costume davanti agli scogli. Il carabiniere risulta indagato, insieme ad altri quattro colleghi, nell’inchiesta bis sulla morte di Stefano Cucchi.

Lo ha annunciato l’avvocato del carabiniere, che nelle ultime ore ha ricevuto numerose minacce di morte anonime, rivolte anche ai suoi famigliari. Una volta depositata la denuncia, la procura iscriverà nel registro degli indagati la sorella del giovane tossicodipendente romano, che si sospetta essere morto sei anni fa per non avere ricevuto adeguata assistenza sanitaria dopo l’arresto e le presunte botte da prigioniero.

La tragica e dolorosa vicenda ha assunto toni esasperati e ha diviso il Paese. Alcuni si sono schierati contro Ilaria Cucchi perché sarebbe in cerca di notorietà e soldi, ma lei respinge le accuse e dice di non essere pentita. Altri difendono le forze dell’ordine. Un carabiniere ha ricordato che il suo collega aveva partecipato a un’operazione antidroga nella Capitale su segnalazione di alcune mamme di un istituto scolastico e che ha sempre fatto il suo dovere rispettando la legge: “tutto il resto è speculazione per soldi, politica e per arrivare ad essere eletti in Parlamento”. L’avvocato del carabiniere indagato ha annunciato che saranno denunciati anche gli autori delle minacce di morte.

 

Cucchi, sorella pubblica su Fb foto cc indagato

LASCIA UN COMMENTO