Polizia municipale Genova: ok a certificato assicurativo digitale

0
CONDIVIDI
Ladro montenegrino acchiappato da cantuné fuori servizio

GENOVA. 28 SET. Il Comando della polizia municipale di Genova informa che il Ministero dell’Interno ha emanato la circolare n. 300/A/5931/16/106/15 del 1° settembre 2016 “ Esibizione del certificato di assicurazione ai sensi dell’art. 180, comma 1, lettera d), del Codice della Strada”, con la quale viene stabilita la validità della esibizione del certificato in formato digitale.

Il testo chiarisce che “nel caso di stipulazione di contratti di assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, la trasmissione del certificato di assicurazione avviene su supporto cartaceo tramite posta o, ove il contraente abbia manifestato il consenso ai sensi del comma 2, su supporto durevole, anche tramite posta elettronica…”.

Per effetto della modifica ora richiamata, il Ministero dell’Interno, con la Circolare evidenziata in oggetto consente che “in sede di controllo può essere esibito agli organi di polizia stradale anche un certificato di assicurazione in formato digitale, o una stampa non originale del formato digitale stesso, senza che il conducente possa essere sanzionato per il mancato possesso dell’originale del certificato di assicurazione obbligatoria, e senza che, ai sensi dell’art. 180, comma 8, C.d.S., possa essere richiesta la successiva esibizione di un certificato originale in formato cartaceo”.

 

Spiegano dagli uffici del Matitone: “Sinteticamente, dunque, il conducente che, anziché il certificato di assicurazione in originale, esibisca, alternativamente, un certificato di assicurazione in formato digitale ovvero una stampa non originale del formato digitale assolve, per effetto delle istruzioni operative ministeriali sopra richiamate, all’obbligo di cui all’art. 180, comma 1, lett. d) del C.d.S.

Nell’ipotesi in cui, anziché il documento cartaceo in originale, sia esibita una fotocopia del formato digitale e il veicolo, oggetto dell’accertamento, sia coinvolto in un incidente stradale (ovvero, in ogni caso, quando possano esservi dubbi sulla veridicità della documentazione esibita), l’addetto di PM operante provvederà a richiedere una verifica tramite riscontro presso la banca dati dei veicoli assicurati al fine di accertare un’eventuale scopertura assicurativa del mezzo”.

LASCIA UN COMMENTO