Home Politica Politica Genova

Pirondini (M5S): Genova governata da sistema di potere per oltre 40 anni

4
CONDIVIDI
Luca Pirondini (M5S)

GENOVA. 23 MAR. “Grazie a tutti per il sostegno e la fiducia. #GenovaCambiaMusica Genova non ha più tempo… e noi siamo pronti!!
Siamo pronti a strapparla dalle mani di un sistema di potere che la amministra da oltre quarant’anni facendo sempre i propri interessi e mai quelli della collettività.
Siamo pronti a restituirla ai legittimi proprietari, i cittadini genovesi.
Siamo pronti a lottare contro tutto e tutti “in direzione ostinata e contraria” per il bene della nostra città.
Siamo pronti a subire attacchi, sapendo che ascolto, impegno e lavoro sul territorio saranno le uniche nostre risposte. Noi parliamo solo di temi.
Siamo pronti a restituire ai cittadini Istituzioni degne di questo nome.
Siamo pronti a dimostrare che i “professionisti” della politica non possono essere la soluzione a quei problemi che loro stessi hanno creato.
Siamo pronti ad amministrare Genova con una logica moderna e meritocratica anziché “poltronistica” e “partitocratica”.
Siamo pronti a far rivivere la città più bella del mondo, restituendo gli spazi pubblici alla cittadinanza.
Siamo pronti a creare una rinnovata armonia tra il Porto e la città.
Siamo pronti a far risplendere in tutti noi l’orgoglio di dire “Io sono genovese”.
Vogliamo, insieme a tutti voi, ricordare al mondo che siamo La Superba. Noi siamo pronti. #Genova2017″

E’ il post pubblicato oggi su Facebook dal candidato sindaco del M5S Luca Pirondini, che ha rotto il silenzio stampa parlando solo sul social network, dopo il pasticcio delle Comunarie pentastellate genovesi e la bufera che si è abbattuta sul Movimento di Beppe Grillo per l’annullamento della vincente Marika Cassimatis.

Pirondini nel suo post ha inoltre citato Francesco Petrarca: “Vedrai una città regale, addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica Signora del Mare: Genova” e poi ha aggunto: “PS a breve faremo incontri aperti a tutta la cittadinanza per discutere insieme, approfondire e scrivere il programma”.


 

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here