Peta. Azione eclatante da Hermès a Milano

0
CONDIVIDI
peta hermes Milano

peta hermes MilanoMILANO. 31 LUG. Ieri a Milano c’è stata una protesta eclatante degli attivisti di Peta davanti al negozio Hermès con una modella ‘insanguinata’ e semi nuda sdraiata sul marciapiede davanti alle vetrine.

Così, fra lo stupore e la curiosità della gente, un’attivista della Peta, People for the ethical treatment of animals, si è sdraiata in un ‘bagno di sangue’ (naturalmente finto ndr), di fronte al negozio milanese di Hermès, in via Montenapoleone, indossando solo dei leggings in stampa coccodrillo, per denunciare gli atti di crudeltà verso coccodrilli e animali esotici che, ad avviso dell’associazione animalista, vengono compiuti per produrre le celebri borse. A fianco, appoggiato sul corpo della modella, il cartello che si commenta da solo: «Hermes: uno stile che uccide?».

L’azione – si legge in un comunicato della stessa Peta “E’ stata organizzata a seguito delle indagini Peta negli allevamenti fornitori per le concerie di proprietà di Hermès” che avrebbe “svelato rettili intrappolati in aridi pozzi severamente affollati. Un responsabile di struttura in uno degli allevamenti ha segato la gola ad alligatori vivi, e alcuni degli animali si muovevano ancora minuti dopo il grezzo tentativo di ucciderli”. (“PETA’s investigation revealed that the grisly source of Hermès’ accessories are living, feeling animals, some of whom were painfully mutilated and left to die,” says PETA Executive Vice President Tracy Reiman. “PETA will be campaigning outside the company, and, as a shareholder, also working from the inside to demand a ban on exotic animal–skin accessories, including crocodile-skin bags and alligator-skin watchbands”).

 

“Peta – spiega il direttore Mimi Bekhechi – svela l’orgine macabra degli accessori di lusso di Hermès – animali vivi, in grado di percepire, che vengono mutilati e lasciati morire lentamente nel dolore, in squallidi allevamenti” che conclude: “Chiediamo a Hermès di smettere di trarre profitto dalla vita e dalla morte di questi poveri animali, togliendo per sempre dagli scaffali le loro pelli esotiche”. (nella foto: una modella di Peta posa davanti a Hermès a Milano in via Montenapoleone. Nel video di Peta, che consigliamo solo ad un pubblico adulto e non sensibile per le immagini cruenti, la denuncia della stessa associazione)

Internet: http://www.peta.org/blog/hermes-newest-shareholder-is-peta/

LASCIA UN COMMENTO