Pericolo immigrati Quezzi, interrogazione a Tursi

1
CONDIVIDI
Il capogruppo comunale della Lega Nord Alessio Piana: no a nuovi insediamenti di immigrati in città, la gente dopo Colonia ha paura e protesta
Il capogruppo comunale della Lega Nord Alessio Piana: no a nuovi insediamenti di immigrati in città, la gente dopo Colonia ha paura e protesta
Il capogruppo comunale della Lega Nord Piana: no a nuovi insediamenti di immigrati in città, la gente dopo Colonia ha paura e protesta

GENOVA. 12 GEN. L’associazione CEIS sta aprendo un centro profughi per cinquanta immigrati a Quezzi. Se gli abitanti di via Edera, ricordando Colonia, hanno paura e protestano, oggi a Tursi la Lega Nord ha presentato un’interrogazione alla giunta Doria contro tale iniziativa.

Dice il capogruppo comunale del Carroccio Alessio Piana: “A ridosso delle abitazioni e in una zona già alluvionata e pericolante a rischio cedimento mura di contenimento della stessa, a breve saranno insediati nella struttura e potranno avere accesso a strumenti e spazi senza alcuna certezza sulla sorveglianza dei loro spostamenti. Si tratterebbe di persone assegnate dalla Questura per le quali non si hanno garanzie penali, sociali, sanitarie e mentali di ogni sorta. Considerato che una struttura di questo tipo a componenza esclusivamente maschile possa creare ipotesi di grave pericolo per la sicurezza degli abitanti (soprattutto donne, bambini e anziani), non potendo non tener conto dei fatti di cronaca di violenza su donne, anziani e forze dell’ordine, ho ritenuto di interrogare il sindaco Doria al fine di sapere cosa intenda fare il Comune di Genova nei confronti di tale situazione”.

Quezzi, paura e proteste: in arrivo 50 immigrati

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO