Per non dimenticare Ale, ucciso a Borzoli

0
CONDIVIDI
La mamma ed Alessandro fondana il ragazzo ucciso da un tir a Borzoli
La mamma ed Alessandro Fontana il ragazzo ucciso da un tir a Borzoli
La mamma ed Alessandro Fontana il ragazzo ucciso da un tir a Borzoli

GENOVA. 7 GEN. Riceviamo e volentieri pubblichiamo nota – appello di mamma Franca per non dimentirare il figlio Alessandro Fontana il ragazzo ucciso da un tir il 2 dicembre del 2014 nell’incrocio tra via Borzoli e via Giotto all’uscita da scuola e la cui prima udienza avverrà settimana prossima presso il tribunale di Genova.

“Buona sera, sono la mamma di Alessandro Fontana, il ragazzo ucciso da un Tir il 2 dicembre 2014 a Sestri nell’incrocio tra via Borzoli e via Giotto.

Martedì 12 gennaio alle ore 9,30 è fissata la prima udienza in tribunale contro l’autista. Il GIP è il dott. Baldini, il PM il dott. Scorza azzarà.

 

Vi prego di seguire con il vostro giornale come avete sempre fatto il caso. Come sapete l’incidente è avvenuto in un posto molto particolare e diverse manifestazioni sono seguite. Io voglio solo che si dica la verità e che se ci sono responsabilità qualcuno se ne faccia carico.

Alessandro non è stato colpito da un sasso caduto dal cielo!!

Ho di recente avviato iniziative in memoria di Alessandro, come una borsa di studio a Medicina e altre donazioni.

Come madre ho deciso che la quota di risarcimento che mi spetterà da parte dell’assicurazione dovrà essere destinata interamente a finanziare progetti per gli altri, dagli studenti di medicina, ai ragazzi scout, al quartiere agli handicappati. So che il mio Ale avrebbe voluto così.

Per favore, non lasciate in silenzio questo evento, questo processo, il mio Ale non se lo merita.

Vi mando una foto che ci ritrae felici insieme, quando ancora le nostre vite non erano state stravolte, grazie la mamma di Alessandro” Franca (nella foto chiamata ‘io e te’: Mamma Franca con il figlio Alessandro).

LASCIA UN COMMENTO