Home Cronaca Cronaca Italia

PER LA SETTIMANA DI FERRAGOSTO I CONSIGLI DELLA GUARDIA COSTIERA SULLA SICUREZZA IN MARE

0
CONDIVIDI
PER LA SETTIMANA DI FERRAGOSTO I CONSIGLI DELLA GUARDIA COSTIERA SULLA SICUREZZA IN MARE

la bandiera rossa, che costituisce avviso di mare pericoloso – dice il Comandante in II, Capitano di vascello (CP) Angelino CIANCI -. La superficialità può causare tragedie, come purtroppo hanno dimostrato i numerosi e recenti annegamenti verificatisi in varie parti di Italia”. Queste le altre raccomandazioni della Guardia costiera ai bagnanti: non fare il bagno se non si è in perfette condizioni psicofisiche; anche se si è buoni nuotatori, non forzare il fisico; dopo una lunga esposizione al sole, entrare in acqua gradualmente; lasciare trascorrere almeno tre ore dall’ultimo pasto, prima di fare il bagno; se non si sa nuotare, bagnarsi in acque molto basse; non oltrepassare i gavitelli che delimitano la zona di sicurezza per la balneazione; non allontanarsi dalla spiaggia oltre i 50 m. usando materassini, ciambelle, galleggianti o piccoli canotti gonfiabili; evitare di tuffarsi dagli scogli.
A chi, invece, si accinge alla navigazione, la Guardia costiera raccomanda in particolar modo di moderare la velocità. “La navigazione deve sempre avvenire a velocità ridotta, allo scopo di prevenire incidenti tra barche ovvero tra barche e bagnanti – avverte il Comandante CIANCI -. In particolare, le unità a motore devono navigare a velocità inferiore a 10 nodi e con l’intero scafo a contatto con l’acqua, quando si trovino all’interno della zona di mare di 1000 metri dalle spiagge ovvero 500 metri dalle scogliere. Resta fermo, naturalmente, il divieto di navigazione nella zona di mare destinata alla balneazione” (200 metri di distanza dalle spiagge ovvero 100 metri di distanza dalle scogliere).
Queste le altre raccomandazioni: controllare la quantità di carburante presente a bordo, per verificare che lo stesso sia sufficiente per l’andata ed il ritorno, tenendo in considerazione eventuali imprevisti, sempre possibili in mare; controllare le dotazioni di sicurezza, in relazione alla navigazione che si intendere fare; controllare lo stato di carica delle batterie, se esistenti a bordo, ed il funzionamento dell’eventuale radiotelefono. controllare l’efficienza dei motori; tenere comunque a bordo un telefono cellulare, per chiamare il numero di emergenza in mare1530 nel caso di necessità; informarsi sulle previsioni meteo marine riguardanti la zona di mare in cui si intende navigare e tenere costantemente aggiornata la documentazione nautica. Ultima raccomandazione della Capitaneria. Le imbarcazioni che, durante la navigazione, avessero necessità di assistenza medica, possono contattare il Centro Internazionale Radio Medico (C.I.R.M.) con sede a Roma, il quale offre ausilio medico gratuito. Questi i numeri utili. Telefono: 06-54223045; Cellulare: 348-3984229; Fax 06/5923333.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here