Per gli immigrati 700m2 in via Venti, stasera Genova scende in piazza per il NO

17
CONDIVIDI
Fratelli d’Italia: no ad un centro profughi in via XX Settembre
Genova scende in piazza per dire NO ad un centro di accoglienza immigrati in via XX Settembre
Genova scende in piazza per dire NO ad un centro di accoglienza immigrati in via XX Settembre

GENOVA. 23 AGO. Stasera commercianti, residenti e rappresentanti di varie associazioni genovesi scendono in piazza per dire NO al centro di accoglienza di nuovi immigrati nel salotto buono e vetrina del centro città.

L’appuntamento è intorno alle 19 al civico 11 della prestigiosa via Venti Settembre, accanto all’ingresso del Mercato Orientale.

La protesta dei cittadini sarà ripresa dalle telecamere di Rai3 e da quelle della trasmissione di Rete 4 “Dalla Vostra Parte”. Sono previsti collegamenti in diretta.

 

Nei prossimi giorni si terrà l’assemblea di tutti i condomini del palazzo, dopo che ieri sera c’è stata quella riservata ai consiglieri di condominio.

L’amministratore Franco Gromi ha già annunciato che ci sarà “un bel po’ di gente” soprattutto del quartiere. Residenti e commercianti sono contrari alla scelta di Comune e Prefettura.

Oltre a quelli che hanno pagato a caro prezzo gli appartamenti in cui vivono, molti hanno investito per gli uffici e le attività commerciali dando una mano al rilancio della città.

L’insediamento dei nuovi immigrati rischia di vanificare il nuovo Patto d’Area per il rilancio della città, firmato proprio dal Comune con la Regione, contraria alla “sciagurata” scelta del governo Renzi e della giunta Doria.

 

17 COMMENTI

  1. Eh già… Sono questi i veri problemi che ci fanno scendere in piazza… Poi quando c’è da cambiare qualcosa di serio non scende in piazza nessuno…. popolo patetico… Forte coi deboli e deboli coi forti…

  2. Signori non dovete cadere nel gioco di chi con le vostre risposte forti gioca sul fatto che sembriamo razzisti ! Diamo un contenuto alle parole, una spiegszione logica, siamo dalla parte drlla ragione, ci preoccupiamo per il futuro dei nostri figli e nipoti. Non rispondiamo con slogan , non corriamo dietro chi non si rende conto e accetta il tutto per ignoranza , o interesse o solo per andare contro.
    Impegnatevi nel convincere le persone che non credono piu nel cambiamento , convincete coloro che vedono nel m5s l alternativa (sull immigrazione e’ come questi che governano) convincete chi ha perso la speranza nrlla politica e fategli usare l arma piu potente …l urna ! Ogni voto in piu conquistato e’ un punto in piu per il csmbiamento e la speranza di vedere la citta e tutto il paese tutelato ….

  3. Vergognatevi, noi siamo la città italiana che si è liberata da sola dal fascismo!!! E questo è il risultato??? Invece di dare la colpa ai profughi, perché non vi fate un esame di coscienza, pensando che è proprio il nostro governo (che ci siamo scelti) ad aver rubato per 60 anni, riducendoci così???

    • Brava maria Palumbo perché la palazzina non la mettono apposto e la danno a chi stanotte ha perso tutto ma vergognatevi voi a pensare agli immigrati poverini quando abbiamo un sacco di persone in Italia che soffrono e non sanno come andare avanti fate bene a scendere in piazza

  4. …ma andate al diavolo voi e le vostre proteste vergognose….quanto vorrei che voi, gente gretta e meschina, possiate vivere ciò che questi disgraziati hanno passato, passano e passeranno…..

    • Cosa hanno passato? Sono senza documenti per poter dire che scppano dalla guerra e invece non e’ vero.Sono furboni e smettiamola di metterli avanti agli italiani; chi lo fa e’ razzista coi propri connazionali che soffrono.VERGOGNA! Prima gli italiani! Io darei volentieri questo posto ai ostri twrremotati,altro che clandestini!

    • Sei molto ingenua. Che ben vengano i profughi che sono appena un 40 per cento ma i clandestini no. Come è possibile che arrivano tutti uomini giovani e forti e lasciano le donne a casa in balia delle guerre ? La famiglia te la porti dietro altrimenti rimani sulla tua terra e con gli aiuti ricostruisci e risolvi a denti stretti come hanno fatto tutti quelli che sono stati colpiti dalla guerre o ve ne siete dimenticati ci siamo passati anche noi. Tanto buonismo falso non risolve i problemi questi vanno affrontati anche a costo della vita per un loro futuro non il più delle volte non serve fuggire.

LASCIA UN COMMENTO