Home Cronaca Cronaca Genova

Pegli, spacciava droga a studenti davanti a sede Municipio: preso marocchino

17
CONDIVIDI
Droga nei caruggi, carabinieri arrestano tunisino (foto d'archivio)

GENOVA. 26 LUG. Ieri pomeriggio, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Arenzano arrestato un cittadino marocchino di 29 anni, residente a Genova, nullafacente, che nei pressi della sede del Municipio a Pegli spacciava hashish e cocaina agli studenti.

Nel maggio scorso, una mamma aveva scoperto che il figlio di 20 anni aveva accumulato debiti per diverse migliaia di euro per l’acquisto di cocaina. Insospettita, aveva avvisato i carabinieri, chiedendo aiuto.

Nel giro di un mese, i militari sono riusciti ad individuare e fermare un’intensa l’attività di spaccio di hashish e cocaina da parte del giovane straniero.


Dalle indagini, infatti,  è emerso come l’incensurato fosse in grado di rifornire diversi clienti residenti nella zona del VII Municipio. In alcuni casi, la consegna della droga avveniva su richiesta a domicilio.

I carabinieri hanno identificato una decina di clienti, tra cui anche giovanissimi studenti, e sequestrato decine di dosi di droga.

 

Grazie agli elementi raccolti, l’autorità giudiziaria ha emesso la misura cautelare dell’obbligo di dimora per spaccio di sostanze stupefacenti.

Ieri pomeriggio i Carabinieri del Nucleo Operativo hanno notificato la misura all’immigrato, che in base alle prescrizioni dell’ordinanza non potrà allontanarsi dal Comune di Genova ed uscire dall’abitazione durante la notte.

 

17 COMMENTI

  1. SI ! Ma la richiesta è tanta , c’è chi spaccia perché c’è chi compra , qualche parolina anche per gli acquirenti si potrebbe fare ……magari anche qualche figlio nostro compra !!!!

  2. Se c’è offerta significa che c’è domanda. Questa legge di mercato è imprescindibile. A prescindere quindi che la risorsa marocchina debba essere rispedita a casa all’istante, abbiate più controllo sui vostri figli che comprano…

  3. Gentile Marco Angy Angelini, abbiamo notato, che continua a riptere i nostri ashtag, non capiamo la motivazione. La ripetizione continua degli ash viene interpretata come spam. Cordialità. LN

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here