Pd spaccato, Regazzoni e Raggi: moschea a Genova? No, grazie

14
CONDIVIDI
Il candidato sindaco del Pd Simone Regazzoni e il tesoriere regionale del partito democratico Giovanni Battista Raggi
Gli esponenti del Pd genovese Simone Regazzoni e Giovanni Battista Raggi
Gli esponenti del Pd genovese Simone Regazzoni e Giovanni Battista Raggi

GENOVA. 15 AGO. Un po’ in ritardo, ma alla fine qualcuno a sinistra ci è arrivato, ha capito e si è schierato contro la folle idea di realizzare una grande moschea a Genova. Senza se e senza ma.

Pertanto, nonostante la promessa fatta nel 2012 in campagna elettorale (“Genova avrà una moschea degna di questo nome. Impegno dell’amministrazione sarà quello di farlo nei tempi più rapidi”) il sindaco Marco Doria forse non riuscirà a dare il concreto via libera al progetto, prima della fine del ciclo amministrativo.

“Da candidato alle primarie del Pd per le prossime amministrative – ha spiegato l’altro giorno Simone Regazzoni – dico che, a Genova, non dovrà essere costruita nessuna grande moschea. Auspico che anche il Pd genovese prenda al più presto una posizione chiara su questo punto, evitando di utilizzare alibi. La difficile situazione in cui ci troviamo chiede a tutti la massima responsabilità”.

 

“Sono d’accordo con Regazzoni – ha aggiunto il tesoriere regionale del Pd Giovanni Battista Raggi – bisogna chiarire agli elettori la nostra posizione contraria alla moschea”.

“Ad oggi, al di là di qualche differenza – spiegano gli esponenti genovesi del Pd – non c’è reciprocità nei paesi islamici per quanto riguarda la libertà di culto. Senza questo riconoscimento, l’operazione di costruzione di grandi moschee in Europa, finanziate dai Paesi Arabi, non si inserisce più nella cornice del pluralismo religioso, bensì in quella di un’islamizzazione dell’Europa. Questa idea va contrastata proprio per difendere nei fatti, e non solo a parole, il pluralismo religioso. Per questo Genova, che difende il pluralismo, non può accogliere una grande moschea finanziata con i soldi dei Paesi Arabi”.

Schierato con Raggi e Regazzoni c’è anche il consigliere comunale Paolo Gozzi (ex Pd).

 

 

 

14 COMMENTI

  1. … e vi conviene… la cittadinanza e come il bisagno di pochi anni fa….. RICORDATE… E ESONDATO SENZA PREAVVISO….. E NESSUNO POTEVA FARE NULLA PER FERMARE LA FURIA DEL FIUME……. meditate …… MOLTO…

    • Secondo me parliamo parliamo ma nessuno fa i fatti . Dovremmo ribellarci a molte cose ed invece subiamo in continuazione . .basta andare al porto antico, nei vicoli della nostra città. . Per capire cosa stiamo accettando. . Se volessero davvero farebbero la moschea e vorrei vedere quanti e chi farebbero qualcosa per fermarli . . Forse i soliti quattro gatti proverebbero a bloccare i lavori per un giorno . . E poi la solita accettazione. . Siamo zombi

    • Gianfranco Gentile personalmente non ho un sindaco ma una sindaca, tu magari sei più sfigato e hai un sindaco fantasma….
      Anche se non voto a Genova ci sono sempre ecco perché mi interessa ciò che la riguarda

    • Il sindaco è il peggiore che Genova abbia mai avuto…
      un incapace,penso l unico in Italia che sia arrivato ad autorizzare un mercatino di ricettatori ,per non parlare del 1.2 milioni per una ciclabile da presa per i fondelli, di cui 260mila solo fare le strisce in via xx settembre…ora voleva anche la moschea..mai vai a cagare INCAPACE!

LASCIA UN COMMENTO