Pastorino (RaS) a Signorini: NO a delocalizzazione Riparazioni Navali

0
CONDIVIDI
Sciopero portuali ligure in solidarietà morto Salerno

GENOVA. 9 NOV. “Ribadire il carattere strategico delle Riparazioni Navali nell’economia locale e l’impossibilità di ipotizzare qualsiasi delocalizzazione; proseguire con sollecitudine all’ambientalizzazione dei processi produttivi; essere capofila nella costituzione di un tavolo di regia congiunto con istituzioni e soggetti privati, per approdare a un progetto condiviso sulla portualità genovese; provvedere alla riorganizzazione dei bacini in modo da scongiurare qualsiasisituazione di incertezza sia per le imprese sia per i lavoratori impiegati dalle imprese medesime”.

Questi, in sintesi, i contenuti della lettera che il consigliere regionale Gianni Pastorino ha inviato oggi al neopresidente di Autorità Portuale di Genova Paolo Emilio Signorini. Il consigliere regionale di Rete a Sinistra torna a porre l’accento sulla questione delle riparazioni navali, un tema che in queste settimane ha acceso un forte dibattito nell’aula del consiglio regionale, ma anche sui media.

«Abbiamo scritto al presidente Signorini perché riteniamo le riparazioni navali un settore strategico, non solo per lo sviluppo del porto di Genova, ma anche a vantaggio dell’economia di tutta la città – dichiara Pastorino – e poi, considerando le polemiche di queste ultime settimane e i grossolani errori di valutazione commessi da parte di alcune forze politiche, come Rete a Sinistra ci siamo sentiti in dovere di esprimere il nostro punto di vista guardando esclusivamente agli aspetti oggettivi, per evitare discussioni oziose, basate sul nulla».

 

 

LASCIA UN COMMENTO