PASTORINO A BURLANDO: “SULLA SCONFITTA PD ANALISI POCO OBIETTIVA”

2
CONDIVIDI
luca-pastorino

luca-pastorinoGENOVA. 3 GIU. “Dispiace sentire, anche da una persona solitamente ragionevole come l’ex Presidente Burlando, un’analisi della sconfitta di Paita poco obiettiva e non corrispondente alla realtà”.

Sono queste le parole di Luca Pastorino in risposta all’ex governatore ligure dopo il commento sulla sconfitta del Pd.

Imputando le colpe – sottolinea Pastorino – a divisioni o alla volontà da parte mia e di altri di voler costruire un soggetto politico nuovo a livello nazionale, Burlando scarica anche lui le responsabilità di una sconfitta clamorosa, che sono da imputarsi esclusivamente al percorso delle primarie, a una proposta amministrativa confusa e pasticciata anche dal punto di vista delle alleanze con la destra, ai tanti problemi in campo in Liguria in parte causati – e sicuramente non risolti – dall’ultima amministrazione regionale, a una candidata a detta di tutti inadeguata e divisiva. La stessa candidata Paita che oggi, tramite i giornali, esterna il solo pensiero di autocritica nel non essersi “smarcata” proprio da Burlando stesso”.

 

“A Burlando, Paita e a tutti coloro che raccontano favole – continua Pastorino – dicendo che la colpa di tutto sarebbe la mia, suggerisco di compiere un piccolo sforzo verso un giudizio minimamente oggettivo della realtà. Suggerisco di guardare ad esempio quanto accaduto in Veneto dove, nonostante una scissione clamorosa compiuta da Tosi che ha peraltro avuto un consenso dell’11%, il centrodestra diviso ha stravinto con il Governatore uscente Zaia (oltre il 50% dei voti), a dimostrazione del fatto che, se gli elettori sono soddisfatti dei propri rappresentanti, non c’è divisione che tenga”.

2 COMMENTI

  1. Abbiamo visto che la Paita ,oltre a non capire la sconfitta,che è per colpa solo sua e di altri,ha detto che frenerà lo sviluppo ligure.Allora io dico cosa bisogna fare e la Paita se ha buon senso e non vive di nevrastenia,dice questo si,questo no.Dopo rispondo a chi mi irrideva sul fatto di levare le alluvioni.Basta non costruire bacini o tunnels discarica ma mettere turbine pompaggio in serie con condotte.Ecco cosa fare?
    Il Presidente della Regione Lombardia ha affermato che Liguria e Lombardia ora devono collaborare.I progetti ci sono e sono stati inviati ai Presidenti.Li ricordo:
    -Post Expo a Milano come Campus industria digitale,agricoltura e sanità con energia pulita.
    -Resilience Smart Community a Genova che ingloba la Smart City genovese e adotta il mio progetto che prevede di levare ogni alluvione a Genova e Lombardia
    -Genova riconverte in industria il polo grafene e inizia la produzione di dissalatori
    -viene approvato il mio progetto Po con 220 affluenti e regolazione fiumi liguri
    -viene sviluppata la produzione di turbine a Genova non solo gas ma pompaggio,idrogeno e CO2 con la collaborazione delle 2 Università.Cioe’ Genova implementa le applicazioni marine e Milano quelle terra sono 4 miliardi di ordini se approvano il mio piano
    -i tubi per condotte sono prodotti nei poli lombardi di Dalmine-Brescia-Lecco.
    -Milano passa al plasma waste e finanzia quello ligure attraverso una aggregazione a2a-iren
    -il sito plasma rifiuti è stato da me chiesto in un sito Sogin sul Po
    -Milano finanzia il nuovo progetto portuale con rebuilding front port nell’area aeroporto attuale.Viene costruito nuovo aeroporto con 2 piste che diventa il Cruiser Airport di SEA collegato in continuo con gli scali Sea Lombardi
    -si levano le alluvioni con le mie tur-bine pompaggio in parte prodotte a Genova e parte in Lombardia con tutti gli accessori elettrici
    -per le fiere si stabilisce un accordo che Genova è il polo mare e avrà 100 nuove fiere in collegamento con Fiera Milano
    -il polo sanitario digitale sarà a Milano ma si impegna a collaborare con genova
    -museo digitale da me previsto all’inizio a Genova che migliora quello gia’ bello di Marsiglia mentre a Milano il mio riferimento sono i Musei Americani digitali
    -per avviare il piano personalmente ho chiesto a EIB 1,5 miliardi per il Post Expo Milano e 1,0 miliardi per la RSC di Genova,cioe’ 2,5 miliardi.
    -Genova e Milano ovviamente saranno a energia pulita con 30% riduzione bolletta energetica
    -recupero miniere manganese per energia con biocatalizzatori
    -occupazione:prevedo 60.000 posti in piu’ a Milano e 30.000 a Genova.
    -nuovi allevamenti di pesce e alghe in Liguria
    -scambio di energia intelligent electric grid,esteso poi all’acqua e biometano in rete gas.
    -5 milioni di turisti annui concependo Genova Cruiser City e l’integrazione di 3 aeroporti come Cruiser Airport
    -Acquario di Genova raddoppiato e Acquario di Milano triplicato
    -trasporti:2 people movers uno Malpensa-Expo-Linate ,l’altro a Voltri-GE Porto-Molassana 300 milioni gestiti da aggregazione AEM Mi e GE.
    -fatturato Milano 5 miliardi annui
    -fatturato Liguria 4 miliardi annui dato che l’ampliamo su tutta la Liguria in quanto gli allevamenti non sono a Genova

  2. Ma Pastorino non era il figliol prodigo di BurLando? Come avrebbe fatto da sindaco di un piccolo e bello comune come Bogliasco ad arrivare a Roma senza l’appoggio della mano rossa?

LASCIA UN COMMENTO