Home Cronaca Cronaca Genova

Pasta sequestrata in porto, donata a Paesi bisognosi

4
CONDIVIDI
Pasta sequestrata in porto, donata a paesi bisognosi

GENOVA. 28 SET. Oltre 300 tonnellate di spaghetti prodotti in Turchia e spacciati per italiani, dal valore di 230.000 dollari furono dapprima sequestrati, poi confiscati nel 2015 al pastificio Garofalo di Gragnano, in provincia di Napoli, sono state distribuiti nei giorni scorsi agli scolari di El Salvador, ai poveri di una missione in Perù e ai malati di due presidi sanitari nel sud della Libia.

Si tratta di 10 container pieni di pasta, di ottima fattura, ma a causa di un marchio Made in Turkey facilmente cancellabile, non mettibili sul mercato, sono stati dati in beneficienza . grazie all’impegno dell’Ufficio delle Dogane, della guardia di finanza di Genova, che hanno scoperto delle etichette mendaci sulla pasta stoccata nel porto di Genova prima di essere spedita e venduta in Africa, alla Comunità di Sant’Egidio e ai delegati dei progetti alimentari Onu, che hanno provveduto al trasporto della merce.

Precisazione. Il pastificio Garofalo precisa che la pasta sequestrata non era a marchio Garofalo, bensì Santa Lucia, marchio di proprietà del Pastificio Garofalo destinato al mercato estero.

4 COMMENTI

  1. Ma scusate non poteva la pasta rimanere in Italia che bisognosi c è Nè a strafottere? Sempre aiutare gli altri paesi e guarda caso Sant egidio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here