Parole e musica per Amelia Rosselli

0
CONDIVIDI
Amelia Rosselli
Amelia Rosselli
Amelia Rosselli

GENOVA. 27 GEN. Sabato 30 Gennaio nel Salone del Conservatorio di Musica “Niccolò Paganini” alle ore 17, verrà consegnata la borsa di studio con la quale ormai da alcuni anni la “Fondazione Giorgio e Lilli Devoto” premia lo studente che ha ritratto meglio, nella sua composizione, la poetica dell’autore assegnato come tema.

Il poeta scelto per quest’edizione era Amelia Rosselli, ricordata in occasione del Ventennale della morte (11 febbraio). Figlia dell’esule antifascista Carlo Rosselli, teorico del Socialismo Liberale, e di Marion Cave, Amelia è nata in Inghilterra ed è diventata  attivista del partito laburista britannico. E’ stata una poetessa italiana che ha fatto parte della “generazione degli anni trenta”, insieme ad alcuni dei più conosciuti nomi della letteratura italiana.

L’evento avrà inizio con la presentazione del volume “October Elizabethans” di Amelia Rosselli curato e tradotto da Emmauela Tandello (Università di Oxford), a proposito del quale interverranno Maria Antonietta Grignani (Direttore del Centro per gli Studi sulla Tradizione manoscritta di autori moderni e contemporanei  dell’Università di Pavia), Nicola Ferrari (Università di Genova), Viviana Ponta (Università di Pavia) e Giorgio Devoto (Fondazione Giorgio e Lilli Devoto).

 

Seguirà il Concerto degli allievi del Conservatorio in cui verranno eseguiti “Steli” (2015)  di Giacomo Biagi, su testi di Amelia Rosselli, per voce recitante, flauto, oboe e violoncello, brano  vincitore della borsa di studio 2014/2015 e “Straight as a shaft of light” (2015)  di Francesco Raspaolo, su testo di Amelia Rosselli, per soprano e 5 violoncelli, brano segnalato alla borsa di studio 2014/2015.

Il programma sarà completato da lavori di Karlheinz Stockhausen e John Cage.

Esecutori saranno Giulia Beatini (voce), Camilla Biraga (voce recitante), Marcella Di Garbo (soprano), Giulia Carlini (flauto), Giovanni Luigi Pistis (oboe), Giacomo Biagi, Emanuele De Luca, Cecilia Ponassi, Carola Puppo e Francesco Raspaolo (violoncelli) e Edoardo Bardi (regia del suono).

Ingresso libero

FRANCESCA CAMPONERO

LASCIA UN COMMENTO