Park Acquasola, 5 condannati per lo scempio

0
CONDIVIDI
park acquasola
Una manifestazione del comitato Acquasola e degli ambientalisti
park acquasola
Una manifestazione del comitato Acquasola e degli ambientalisti: oggi hanno vinto in Tribunale

GENOVA. 21 DIC. Maria Teresa Gambino, amministratore della società Sistema Parcheggi, Giorgio Rossini e Maurizio Galletti, entrambi ex Soprintendenti ai Beni culturali, Rita Pizzone, ex funzionario della Soprintendenza, Giorgio Gatti, ex funzionario del Comune.

Sono i cinque condannati stamane in Tribunale a Genova per la vicenda della costruzione di un autosilo al parco dell’Acquasola. La pena è di sei mesi di reclusione per la violazione dell’articolo 170 del Codice che riguarda i Beni culturali, il quale stabilisce l’incompatibilità di costruire in presenza di un bene vincolato con un determinato utilizzo, come quello ambientale del parco genovese.

Le piante distrutte con l’avvio del cantiere, in sostanza, erano un monumento ambientale per la collettività e non potevano essere toccate. Per Legambiente, Italia Nostra e Comitato Acquasola, si tratta di una storica sentenza dopo anni di battaglie. Il contenzioso, sfociato nel procedimento penale, era cominciato una quindicina di anni fa.

LASCIA UN COMMENTO