PARCHEGGI A PAGAMENTO A RAPALLO: TROPPI E MALPOSTI

0
CONDIVIDI
L' ascensore della Stazione di Rapallo

Stazione_ferroviaria%20di%20Rapallo[1]RAPALLO. 27 AGO. Scoppia la polemica sui parcheggi a pagamento. I Cittadini “Attivi” di Rapallo, hanno registrato le proprie osservazioni alla delibera di giunta per la gara di appalto.

«I punti che principalmente contestiamo sono il numero troppo elevato, di aver trasformati in  posteggi a pagamento gli stalli in piazza Molfino, utili a chi si reca in stazione, il pagamento della sosta in orario notturno, la mancata menzione circa il diritto di parcheggio gratuito per i disabili nelle aree in concessione e lo spostamento di alcuni posteggi da via Milite Ignoto a via Mameli e piazza Cile. » Spiegano vari componeti del movimento.
E’ opinione del M5S, che questi provvedimenti vadano contro l’interesse comune ed è per questo che chiedono a Carlo Bagnasco, sindaco della città di Rapallo di avere un accurata analisi delle osservazioni e delle loro proposte, che  presumono una riduzione degli stalli a pagamento da 392 a 321, così suddivisi. Numero 20 posteggi in Piazza Sciutti/via Lamarmora, 15 parcheggi, in piazza delle Nazioni; nessuno in via Milite Ignoto, 149 in piazza IV Novembre e zone limitrofe, 51 sul lungomare, 44 in via Dante e via Aldo Moro, 13 nel piazzale Poggiolino

(bus e autocarri), 23 in via Gramsci, 6 in corso Assereto e 0 in piazza Molfino.
«Con quale giustificazione la giunta comunale ha stabilito la trasformazione a pagamento degli attuali stalli attualmente a zona a disco, in piazza Molfino, preferendo così privare i cittadini di un’utilissima area creata con lo scopo di agevolare eventuali partenze e arrivi dalla stazione ferroviaria? – Spiega il portavoce del M5S, Davide Zanardi – essendo già preventivata la trasformazione di via Milite Ignoto in cantiere per la copertura del torrente San Francesco, perché non estromettere direttamente questa zona dalla gara d’appalto?»

 

Queste sono le principali richieste esposte al primo cittadino rapallese. ABov

LASCIA UN COMMENTO