Pallanuoto, Recco e Brescia in finale per lo scudetto

1
CONDIVIDI
Pallanuoto
Pallanuoto
Pallanuoto

GENOVA 27 MAG.  Per il quinto anno consecutivo saranno Pro Recco e AN Brescia ad affrontarsi nella finale scudetto del campionato italiano, giunto alla 97esima edizione. I padroni di casa – tricolori dal 2006 e campioni d’Europa – superano la Canottieri Napoli per 14-5 (parziali 3-2, 3-1, 6-0, 2-2) nella seconda semifinale della final six in svolgimento alla piscina comunale di Sori. La Pro Recco è al 48esimo successo consecutivo. Col prossimo conquisterebbe la terza stella, ma proprio l’AN Brescia diede l’ultimo dispiace: 7-6 il 5 dicembre 2014.
In precedenza i lombardi avevano sconfitto la BPM Sport Management per 9-7 (3-2, 2-2, 2-0, 2-3). Determinanti le diverse percentuali realizzative con l’uomo in più (6/8 contro 4/9), oltre ad una difesa quasi impermeabile. Triplette di Rizzo e Nicholas Presciutti.
La finale è in programma venerdì alle 20.45 in diretta su Rai Sport 2. Alle 14 BPM Sport Management e CC Napoli si giocheranno il terzo posto, ovvero l’accesso alla Champions league.

CC NAPOLI-PRO RECCO 5-14
CC NAPOLI: Turiello, Buonocore, Di Costanzo, Migliaccio M. 1, Baviera, Borrelli 3, Mattiello, Campopiano 1 (rig.), Maccioni, Velotto, Baraldi, Esposito, Vassallo. All. Zizza.
Pro Recco: Tempesti, Francesco Di Fulvio 1, Mandic 4, Figlioli 1, Andrea Fondelli 1, Sukno 1, Giacoppo, Aicardi 1, Figari 2, Bodegas 1, Ivovic 2 (1 rig.), Niccolò Gitto, Pastorino. All. Pomilio.
Arbitri: Riccitelli e Lo Dico.
Note: parziali 2-3, 1-3, 0-6, 2-2. Nessuno uscito per limite di falli. Superiorità numeriche: CC Napoli 0/5, Pro Recco 2/5. Vassallo (N) in porta, sostituito da Turiello a inizio quarto tempo. Spettatori 800 circa. Tra il secondo e terzo tempo si è esibita Marta Cantero, campionessa mondiale di nuoto sincronizzato DSISO (Down Syndrome International Swimming Organisation).

Sintesi. Sukno e Mandic mandano la Pro Recco sul 2-0 dopo appena 72 secondi. La Canottieri reagisce. Baraldi si procura un rigore che trasforma Campopiano e Borrelli finalizza la controfuga del 2-2 a 5’47. La superiorità dei liguri è comunque evidente. Di Fulvio segna il 3-2 che chiude il primo parziale con il portiere Vassallo tra i protagonisti. Si riparte con Mandic che allunga prima sul 4-2 in superiorità numerica (1/3), poi sul 5-3 a seguire il guizzo di Borrelli ai due metri (4-3). La Pro Recco incede nel break sino all’8-0 con le reti in sequenza di Figlioli in ripartenza (6-3), Ivovic (7-3 su rigore e 9-3), Bodegas (8-3), Figari (10-3), Aicardi (11-3), Mandic (12-3). Dopo 15’42 torna in gol la Canottieri Napoli con Borrelli per il 12-4. Seguono le reti di Fondelli, Migliaccio e Figari in superiorità numerica (2/5 contro 0/5).

 

AN BRESCIA-BPM SPORT MANAGEMENT 9-7
AN Brescia: Del Lungo, Guerrato, Christian Presciutti, Randelovic 1, Rios Molina 1, Rizzo 3, Damonte, Nora 1, Nicholas Presciutti 3, Bertoli, Ubovic, Napolitano, Dian. All. Bovo.
BPM Sport Management: Oliva, Andrea Di Fulvio, Busilacchi, Coppoli, Vergano, Petkovic 2, Di Somma 2, Jelaca 2, Mirarchi 1, Bini, Razzi, Deserti, Lazovic. All. Baldineti.
Arbitri: Caputi e Ceccarelli.
Note: parziali 3-2, 2-2, 2-0, 2-3. Lazovic (SM) in porta. Espulso il dirigente Averaimo (SM) per proteste a 4’42 del terzo tempo. Ammonito il tecnico Baldineti (SM) per proteste a 7’22 del secondo tempo. Superiorità numeriche: AN Brescia 6/8, BPM Sport Management 4/9. Nessuno uscito per limite di falli. Spettatori 600 circa.

Sintesi. Botta e risposta Jelaka-Randelovic in superiorità numerica, poi Nicholas Presciutti in controfuga e Rizzo di nuovo in più (2/2) allungano il break fermato da Jelaka per il 3-2 di primo tempo. Mirarchi segna il pari a 3’48 del secondo parziale; Molina ripassa subito (4-3), schiacciando in porta il 3/3 in superiorità numerica, ma Petkovic pareggia di nuovo (4-4), prima che Rizzo mantenga il 100% con l’uomo in più trasformando il sorpasso (5-4) di metà gara. Impeccabile 6 contro 5, Nora allunga sul +2 a 1’18. La difesa del Brescia contiene bene lasciando alla BPM Sport Management solo un gol su cinque azioni in superiorità numerica; mentre Rizzo griffa il 6/7 per 7-4 a 6’47. In apertura di quarto tempo Nicholas Presciutti doppia gli avversari (8-4). Successivamente Petkovic e due volte Di Somma consentono alla BPM di tornare al gol a uomini dispari (4/9), ma non in scia alla AN Brescia che tiene le debite distanze con Nicholas Presciutti. Finisce 9-7.

Finale quinto posto. La Robertozeno Posillipo batte la Carisa Savona 9-8 (3-2, 2-2, 2-3, 2-1) e conclude al quinto posto il campionato. La partita di apertura della seconda giornata della final six è decisa dal gol di Saccoia a 3’15 del quarto tempo. Vana la tripletta di Sadovyy della Carisa Savona che è stata avanti solo sul 4-3, ma tre volte costretta ad inseguire il -2 (3-1, 6-4, 7-5).

CARISA SAVONA-ROBERTOZENO POSILLIPO 8-9
Carisa Savona: Antona, Alesiani, Pesenti, Colombo 1, Lorenzo Bianco 2, Cesini, Mistrangelo, Milakovic 2 (1 rig.), Giovanni Bianco, Agostini, Piombo, Sadovyy 3, Zerilli N. All. Angelini.
Robertozeno Posillipo: Caruso, Cuccovillo 2, Marinic Kracig 2, Foglio 1, Klikovac 1, Russo, Renzuto Iodice, Briganti, Buslje 1, Saviano, Dolce, Saccoia 2, Negri T. All. Occhiello.
Arbitri: Paoletti e Fusco.
Note: parziali 2-3, 2-2, 3-2, 1-2. Negri (P) in porta. Espulsi il dirigente La Cava (S) a 6’25 del secondo tempo, i dirigenti D’Abundo (P) a 0’59 e Bigatti (S) a 1’02 del quarto tempo. Ammonito il tecnico Angelini (S) per proteste a 0’37 del secondo tempo. Usciti per limite di falli Alesiani (S) a 2’09 del terzo tempo, Cuccovillo (P) a 2’07, Piombo (S) a 2’44, Dolce (P) al 5’51 e Foglio (P) a 7’22 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Carisa Savona 4/13 + un rigore; Robertozeno Posillipo 7/14.

Playout salvezza. La Lazio si assicura la permenanza in serie A1, battendo 9-8 (2-2, 4-2, 2-3, 1-1) il CC Ortigia che venerdì alle 16 affronterà nella finale dei playout salvezza la RN Florentia, sconfitta nella prima semifinale dalla Roma Vis Nova 11-5 (2-2, 4-1, 4-2, 1-0).

SS LAZIO NUOTO-CC ORTIGIA 9-8
SS Lazio Nuoto: Radic, Ferrante, Colosimo F. 1, De Vena, Santos Da Costa Silva, Di Rocco 2, Giorgi 2, Cannella, Leporale 2, Federico Lapenna 1, Maddaluno 1, Mele, Vespa. All. Formiconi.
CC ortigia: Patricelli, Siani, Abela, Puglisi, Di Luciano, Lisi, Camilleri 3, Blagoje Ivovic 2, Rotondo 1, Danilovic 1, Casasola 1, Vinci, Negro. All. Leone.
Arbitri: Gomez e Castagnola.
Note: parziali 2-2, 4-2, 2-3, 1-1. Ammonizione per simulazione alla Lazio a 0’57 del secondo tempo. Ammonito il tecnico Formiconi (L) per proteste a 4’50 del quarto tempo. Nessuno uscito per limite di falli. Superiorità numeriche: Lazio Nuoto 5/10, CC Ortigia 6/13.

Sintesi. In avvio strappa la Lazio con Di Rocco e Giorgi in superiorità numerica (1/1); ricuce l’Ortigia con Danilovic e doppio Ivovic, uno in più (1/1), per il sorpasso in apertura di secondo parziale (3-2). La Lazio reagisce e impone un altro break di 3-0 con due volte Leporale a segno intervallato da Di Rocco (5-3); poi in superiorità numerica Maddaluno (2/2) risponde a Camilleri (2/5) per il 6-4 di metà gara. La Lazio raggiunge il +3 in apertura di terzo tempo con Colosimo e lo conserva con Giorgi che mantiene il 100% in superiorità numerica (4/4). L’Ortigia però riprende campo e, sempre in superiorità numerica, torna in scia con i gol di Camilleri e Casasola per l’8-7 che rimanda tutto all’ultimo parziale. Intanto la Lazio sporca la percentuale in più fallendo la quinta superiorità numerica (4/5). Nel quarto tempo Lapenna segna in più, ma Camilleri lo riprende in modo analogo e le ultime azioni sono un susseguirsi di emozioni ed errori senza muovere il risultato.

ROMA VIS NOVA-RN FLORENTIA 11-5
Roma Vis Nova: Bonito, De Oliveira Crivella, Murro, Pappacena 1, Bezic 2, Oneto Gomes 3, Spinelli, Innocenzi 2, Vitola, Calcaterra 3 (1 rig.), Mandolini, Del Basso, Nicosia. All. Ciocchetti.
RN Florentia: Mugelli, Colombo, Generini, Dani, Panerai, Vasic 1, Brancatello, Bruni, Oneto Gomes 1, Gobbi, Astarita 3, Panerai, Cicali. All. Minetti.
Arbitri: Luca Bianco e Daniele Bianco.
Note: parziali 2-2, 4-1, 4-2, 1-0. Nicosia (VN) in porta. Mugelli (F) para un rigore a De Oliveira Crivella a 5’52 del primo tempo, sul 2-2. Espulso il dirigente Cicerone (F) per proteste a 0’55 del terzo tempo. Simulazione di squadra alla Vis Nova a 2’46 del terzo tempo. Usciti per limite di falli Dani (F) a 3’40 e Colombo (F) a 7’42 del quarto tempo. Superiorità numeriche: Roma Vis Nova 3/8 + due rigori di cui uno realizzato; RN Florentia 1/4.

Sintesi. Vis Nova salva. RN Florentia battuta 11-5 (2-2, 4-1, 4-2, 1-0) e alla finale contro la CC Ortigia. Dopo il vantaggio iniziale firmato da Astarita, Innocenzi capovolge il risultato (2-1). Nel secondo tempo la squadra capitolina allunga sul 6-2 con le reti di Pappacena in superiorità numerica, Oneto e una doppietta di Calcaterra, dal centro e su rigore, che compie 41 anni. La RN Florentia risale sul -2, ma viene immediatamente ricacciata indietro e perfino doppiata col 10-5 segnato da Oneto Gomes con una bella palomba. Nell’ultimo quarto segna ancora Calcaterra, tripletta come Oneto Gomes e 11-5 finale.

Calendario della final six scudetto e dei playout salvezza

Mercoledì 25 maggio
Prima giornata – quarti di finale final six
Bpm Sport Management-Carisa Savona 6-5 (2-1, 2-0, 2-3, 0-1)
Robertozeno Posillipo-CC Napoli 6-9 (2-4, 1-1, 1-2, 2-2)

Giovedi 26 maggio
Seconda giornata – semifinali playout e final six
Finale 5/6 posto
Carisa Savona-Robertozeno Posillipo 8-9 (2-3, 2-2, 3-2, 1-2)
Vis Nova-RN Florentia 11-5 (2-2, 4-1, 4-2, 1-0)
Lazio Nuoto-CC Ortigia 9-8 (2-2, 4-2, 2-3, 1-1)
AN Brescia-Bpm Sport Management 9-7 (3-2, 2-2, 2-0, 2-3)
Pro Recco-CC Napoli 14-5 (3-2, 3-1, 6-0, 2-2)

Venerdì 27 maggio
Terza giornata – finali playout e final six
Ore 14.00 Finale 3/4 posto
CC Napoli-BPM Sport Management
Ore 16.00 Finale playout
RN Florentia-CC Ortigia
Ore 20.45 Finale 1/2 posto
Pro Recco-AN Brescia

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO