Pallanuoto, A1M: i risultati delle liguri nel turno infrasettimanale

0
CONDIVIDI
Pallanuoto, A2 M: arbitri e programma
Pallanuoto
Pallanuoto

GENOVA 21 APR. Turno infrasettimanale per la serie A1 maschile di pallanuoto a quattro giornate dalla fine della regoular season. Molti i verdetti in bilico. Per la Final Six scudetto, che si giocherà a Sori dal 25 al 27 maggio, bagarre per tre posti: fatte salve Pro Recco, AN Brescia e Sport Managementi, si giocano l’ingresso alle finali Canottieri Napoli, Robertozeno Posillipo, Carpisa Yamamay Acquachiara e Carisa Savona (ultime tre divise solo da quattro punti). Vanno ai playout salvezza dalla decima alla 13esima posizione con RN Bogliasco e Trieste avvantaggiate per la permanenza diretta in A1. Per la retroccessione diretta è lotta fino all’ultimo tra Sori e Florentia. Seguono programma e arbitri.

BOGLIASCO-NAPOLI 8-10

BOGLIASCO BENE: Prian, De Trane 2(1 rig.), Di Somma A. 1, Gavazzi, Guidaldi, Ravina 2, Gambacorta 1, Gonzalez Alonso 1, Guidi, Fracas, Monari 1, Giordano, Pellegrini. All.Bettini
CC NAPOLI: Turiello, Buonocore, Baviera 1, Migliaccio 1, Brguljan 4, Borrelli, Mattiello 1, Campopiano, Maccioni, Velotto 2, Baraldi, Esposito 1, Vassallo. All. Zizza
Arbitri: Paoletti e Taccini
Note: parziali 3-2, 2-1, 3-4, 0-3. Espulso per proteste Mattiello (CC Napoli) nel terzo tempo. De Trane (Bogliasco) tira fuori un rigore nel quarto tempo. Usciti per limite di falli Buonocore (CC Napoli) e Velotto (CC Napoli) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Bogliasco 3/8 + 2 rigori e CC Napoli 6/12. Spettatori 300 circa

 

La CC Napoli consolida il quarto posto, sconfiggendo 10-8 il Bogliasco Bene, con i liguri avanti per tutto il match. Il primo allungo è dei padroni di casa che nel seconda frazione si portano sul 5-2 con le reti di Ravina e Gambacorta. I partenopei accorciano con Esposito per il 5-3 di metà gara. Il terzo viaggia sulla falsa riga del precedente con gli uomini di Zizza che riescono ad arrivare all’ultimo quarto sotto di uno 8-7, grazie al goal di Bruguljan a 0’14”. A questo punto i padroni di casa escono di esca e i restanti otto minuti sono un dominio dei campani che mantengono la porta di Turiello inviolata, bucando invece per tre volte quella di Prian con Baviera, ancora Bruguljan e Migliaccio per l’10-8 finale.

RECCO-SAVONA 16-5

PRO RECCO: Tempesti, Di Fulvio F. 2, Mandic 3, Figlioli 1, Giorgetti 1, Sukno 3, Giacoppo, Aicardi 1, Fondelli 1, Bodegas 1, Ivovic 3(1 rig.), Gitto N., Viola. All. Pomilio
CARISA RN SAVONA: Antona, Alesiani 1, Pesenti 1, Colombo, Bianco L., Cesini 1, Mistrangelo, Milakovic 1, Bianco G. , Giunta, Piombo , Sadovyy 1, Zerilli. All. Angelini
Arbitri: Alfi e Fusco
Note: parziali 4-2, 3-1, 6-1, 3-1. Usciti per limite di falli Sadovyy (Savona) e L. Bianco (Savona) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Recco 7/13 + un rigore e Savona 2/11. Spettatori 100 circa

I padroni del campionato della Pro Recco non lasciano scampo alla Carisa Savona, battuta 16-5 al termine di un derby senza storia. I Campioni d’Italia impongono subito la legge del più forte nella prima frazione, chiusa sul 5-2. Nella seconda frazione i ragazzi di Angelini subiscono un parziale di 3-1 per il 7-3 che porta le squadre all’intervallo lungo. Nella seconda parte di gara il Recco mette il turbo, violando la porta di Antona altre nove volte, per la Carisa c’è gloria per Pesenti e Milakovic. Tra gli uomini di Pomilio triplette di Sukno, Ivovic e Mandic

 

 

LASCIA UN COMMENTO