Home Politica Politica Genova

Paita (Pd): andare al voto, ma solo dopo legge elettorale

0
CONDIVIDI
Raffaella Paita con Alessandro Terrile e Matteo Renzi

GENOVA. 12 DIC. Rischio di rimandare le elezioni politiche al 2018, nonostante la batosta al referendum Renzi di due domeniche fa. “Non si può tornare indietro alla suddivisione dei ruoli tra centro e sinistra: credo profondamente in un Partito Democratico a vocazione maggioritaria. Questo governo deve riformare la legge elettorale, ma poi bisogna andare a votare”.

Lo ha dichiarato questa mattina, nel corso del suo intervento alla Direzione nazionale del Pd, la capogruppo del Partito Democratico in Regione Liguria Raffaella Paita. “Prima di quel voto – ha sottolineato – il Pd deve organizzare un Congresso sereno, ma in cui si possa finalmente fare chiarezza sull’idea di partito che abbiamo”. Paita all’inizio del suo intervento ha sottolineato che “il fronte del no ci vuole riportare indietro di vent’anni, al proporzionale, alla Prima Repubblica, alle correnti e alla palude. Ma così ci indeboliamo, mentre il Pd è nato per rafforzare il Paese. Il governo Renzi – ha continuato la capogruppo ligure del Partito Democratico – ha fatto riforme importanti, spezzando molte rendite di posizione. Faremo un errore a sottovalutare l’esito del referendum, ma sostenere che la rotta intrapresa dal governo Renzi nei suoi 1000 giorni sia stata sbagliata è un’eresia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here