Home Politica Politica Genova

Paesaggio, Regione firma protocollo con Mibact ed Ambiente

0
CONDIVIDI
Paesaggio, Regione firma protocollo con Mibact ed Ambiente

GENOVA. 17 LUG. Maggiore efficacia nella tutela del paesaggio, la certezza di un quadro di norme chiare e semplici, la semplificazione delle procedure di autorizzazione paesaggistica per gli interventi in aree vincolate, una sensibile riduzione del contenzioso tra cittadino e pubblica amministrazione.

Sono questi i principali benefici determinati dal nuovo Piano Paesaggistico regionale, al centro dell’accordo siglato oggi tra la Regione Liguria, il ministero dei Beni e delle Attività Culturali e il ministero dell’Ambiente per l’elaborazione congiunta delle regole per tutelare e valorizzare il paesaggio.

A sottoscrivere l’intesa sono stati il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, la sottosegretaria del Mibact Ilaria Borletti Buitonie la sottosegretaria del ministero per l’Ambiente Barbara Degani.


“La firma di oggi – ha spiegato il governatore Toti – è il primo, indispensabile passo per arrivare in pochi anni all’approvazione di un nuovo Piano Paesaggistico, strumento fondamentale in una regione bellissima ma fragile come la Liguria, in cui le aree vincolate rappresentano quasi il 90% del territorio. Le parole d’ordine sono efficacia nella tutela del paesaggio e semplificazione burocratica: a fronte dell’attuale incertezza normativa, con il nuovo Piano cittadini e pubbliche amministrazioni avranno a disposizione regole certe, chiare e semplici”.

La Liguria è stata la prima regione in Italia a dotarsi, nel 1986, di un Piano Paesaggistico regionale che ha costituito, fino ad oggi, un riferimento per la tutela del paesaggio, in sintonia con l’azione della Soprintendenza, per i piani urbanistici dei Comuni e delle Province, per i tecnici progettisti, per i cittadini e per le associazioni ambientaliste.

La firma di oggi consente di procedere all’aggiornamento di quel Piano, stabilendo il quadro normativo di riferimento che guiderà privati e pubbliche amministrazioni nella progettazione e realizzazione di interventi in aree vincolate.

Sono previsti: 8 mesi per la fase di indagine, 18 mesi per lo sviluppo del progetto entro settembre 2019, 4 mesi per le necessarie verifiche tecniche. Il Piano sarà pronto per l’approvazione a gennaio del 2020.

Nella firma del Protocollo d’intesa è coinvolto anche il ministero dell’Ambiente per consentire l’approvazione, all’interno del Piano, anche delle norme di tutela dei Parchi e delle Riserve Nazionali presenti sul territorio ligure (Parco Nazionale delle 5 Terre, Riserva Nazionale delle Agoraie nel Parco dell’Aveto).

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here