Home Spettacolo Spettacolo Genova

Originale versione di Schiaccianoci al Politeama

0
CONDIVIDI
Originale versione di Schiaccianoci al Politeama

GENOVA. 15 DIC. Tra luci e oscurità, sorrisi e sospiri, giochi e battaglie, i danzatori del Balletto di Roma e il coreografo Mario Piazza giocano con gli aspetti sconosciuti di una favola antica che non smette di incantare i sognatori moderni, quella di Schiaccianoci.

Martedì 20 dicembre alle ore 21 al Politeama genovese, il Balletto di Roma porta in scena la sua versione originale in cui scompaiono i fronzoli di natali spensierati tra i muri pieni degli schizzi di un’alienazione in corso e le televisioni accese su una virtualità d’inganno e solitudine adolescenziale.

L’aura di timore e mistero del vecchio Drosselmeyer si impossesserà di uno Schiaccianoci di sospetta natura che diverrà per la giovane Clara lo specchio di un’inquietudine sconosciuta e la manifestazione di sconvolgenti paure. Il salto tormentato dall’infanzia all’adolescenza diverrà prima vertiginosa caduta nel vuoto, poi volo tra incubi e fantasie fanciullesche e infine placido atterraggio nel nuovo mondo dell’età adulta tra vecchi sogni e nuove certezze.


La Fata Confetto sarà en travesti, nel pieno rispetto della partitura di Čajkovskij, ed il ruolo sarà sostenuto da André De La Roche. Adottando l’andamento e gli espedienti del thriller e coniugandoli con il linguaggio della danza contemporanea, Lo Schiaccianoci – con la sua dilatazione mostruosa della dimensione domestica, le sue mini-battaglie, la violenza e l’orrore sottesi in tutta la narrazione – si presta a farsi specchio fedele e inquietante delle generazioni odierne, precocemente private dell’infanzia  (e quindi del diritto all’innocenza) dall’invadente, ossessiva e indiscriminata informazione dei media, che hanno ormai trasformato la guerra e ogni altra violenza in ‘spettacolo’ da guardare con distratta indifferenza in qualsiasi momento della giornata…

In questa nuova elaborazione drammaturgica di Riccardo Reim appositamente pensata per la coreografia di Mario Piazza, ripristina – con le opportune distanze – il lato noir della narrazione hoffmaniana, immettendo senza freni inibitori la piccola protagonista nella tremenda quotidianità dei nostri anni, dove gli occhi infantili sono costretti ogni momento a spalancarsi sull’angosciante verità dell’oggi e sul suo orrore.

FRANCESCA CAMPONERO

Biglietti da euro 19 a euro 28 + diritti di prevendita

Prezzi speciali gruppi e scuole di danza info tel. 010 8311456

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here