Ora basta: la moglie di Buttaro non perdona l’ecuadoriano

1
CONDIVIDI
Dopo essere scesi in piazza per l'omicidio stradale di Giuseppe Buttaro ad opera di un immigrato ecuadoriano, ora i cittadini di Certosa protestano perl'arrivo di tossici e clandestini in arrivo
I coraggiosi cittadini di Certosa in rivolta per il diritto alla sicurezza: oggi la moglie ha detto di non perdonare l'aecuadoriano ubriaco e drogato, domani alle 14.30 i funerali ad Albissola
I coraggiosi cittadini di Certosa in rivolta per il diritto alla sicurezza: oggi la moglie ha detto di non perdonare l’aecuadoriano ubriaco e drogato, domani alle 14.30 i funerali ad Albissola

GENOVA. 26 GEN. Domani alle ore 14.30 nel Santuario N. S. della Pace ad Albisola Superiore si terranno i funerali di Giuseppe Buttaro. La camera ardente è prevista a partire dalle 10 sempre al Santuario della Pace.

Dopo la coraggiosa figlia Sara, oggi parla la moglie del finanziere ucciso dall’ecuadoriano ubriaco e drogato domenica in via Canepari: “Buongiorno, sono la moglie di Giuseppe Buttaro, parlo anche a nome dei suoi figli Sara Buttaro Baccara e Matteo Buttaro. Mi hanno contattata le forze dell’ordine che temono disordini al funerale,vorrei che fosse rispettato il nostro dolore e la morte di un marito, padre, nonno. Siamo incazzati, sì è vero, non perdoniamo ma ci batteremo fino che ne avremo le forze perché la legge per l’omicidio stradale venga approvata il più presto possibile. Non ci devono essere più morti innocenti per mano di persone senza cervello che pensano solo a se stessi. Vi ringrazio tutti per la Vostra vicinanza al nostro dolore infinito”.

Il messaggio di Milena Meruzzi Buttaro è stato pubblicato poche ore fa su Facebook. Intanto, sempre sui social, i coraggiosi cittadini di Certosa hanno fatto finalmente chiarezza e spiegato che il presidio di protesta per il diritto alla sicurezza e la fiaccolata in ricordo di Buttaro, si svolgeranno solo a funerali avvenuti per una questione di rispetto della famiglia.

 

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO