Opposizione spaccata in Regione, M5S a RaS: venditori di fumo

2
CONDIVIDI
Alice Salvatore contraria alle dichiarazioni sul Bilancio di Rossetti
Alice Salvatore (M5S) attacca pure il capogruppo regionale di Rete a Sinistra Gianni Pastorino
Alice Salvatore (M5S) attacca pure il capogruppo regionale di Rete a Sinistra Gianni Pastorino

GENOVA. 5 MAR. “Con i suoi commenti Gianni Pastorino (Rete a Sinistra) si qualifica con la consueta cortesia che riserva alle donne: già in consiglio regionale gli scatti all’indirizzo delle poche consigliere fanno scuola”.

Il consigliere regionale M5S Alice Salvatore non attacca solo il centrodestra e il Pd, ma pure il capogruppo dei tre partiti di opposizione in Regione, che finora era rimasto abbastanza immune alle invettive pentastellate.

“Pastorino – ha detto oggi Salvatore – ha dimostrato di essere oltremodo confuso circa il suo ruolo istituzionale alle delegazioni romane sul Referendum delle Trivelle. Sia lui sia il nostro collega Pisani sono delegati regionali, volontari che si recano a Roma in rappresentanza dell’intera Assemblea Legislativa ligure che ha votato no alle Trivelle e quindi al referendum dà indirizzo di voto al sì (per fermare le Trivelle): in quel contesto Pastorino non rappresenta quindi se stesso, SEL, pardon Rete a Sinistra (ma non è forse Pastorino tesserato SEL?), bensì il Consiglio.

 

È dunque improprio, oltre che imPossibile, augurarsi – come fa Pastorino – che il nostro collega Pisani si esprima a nome della nostra forza politica in tali circostanze. Così come è inopportuno che Pastorino si auguri che le posizioni da me espresse circa il Terzo Valico e il suo particolare interessamento siano a titolo personale e non del gruppo: il M5S ha una sola voce, quella degli elettori e degli iscritti, che noi “portavoce” appunto riportiamo, non così il suo composito schieramento che a quanto pare in campagna elettorale dice una cosa e poi si smentisce.

Ci teniamo particolarmente a segnalare alla cittadinanza le incoerenze dei partiti che in campagna elettorale dicono una cosa e poi da eletti ne fanno un’altra, o se all’opposizione ne “dicono” un’altra, magari per opportunità politica. Siamo però soddisfatti che Pastorino abbia dichiarato, finalmente in linea con Luca Pastorino (l’ex PD che si tiene stretto il seggio in Parlamento ottenuto con tale schieramento), che per lui il Terzo Valico va costruito!

Non esiste ad oggi un Terzo Valico non impattante sull’ambiente, non esistono progetti di terzi valichi alternativi, e soprattutto, per i movimenti NoTav sono altre le misure e gli accorgimenti percorribili per garantire un migliore accesso alla nostra regione, in tempi rapidi. Pastorino farebbe meglio a non recarsi presso gli abitanti espropriati vendendo fumo: qualcuno potrebbe pensare che sia solo a caccia di voti”.

 

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO