Home Cronaca Cronaca La Spezia

Operazione Capitaneria della Spezia Dirty Market: sanzioni per 30mila euro

0
CONDIVIDI
Operazione della Cp della Spezia Dirty Market: sanzioni per 30mila euro

Si è da poco conclusa l’operazione complessa nazionale della Guardia Costiera denominata “Dirty Market” che, nel mese di dicembre, ha visto impegnati anche personale e mezzi del Compartimento marittimo della Spezia nei controlli lungo l’intera filiera ittica, dal mare ai principali mercati ittici, punti vendita e ristoranti della Provincia spezzina e delle città di Cremona, Parma, Reggio Emilia e Modena.

Obiettivo principale dell’operazione è stato quello di contrastare la vendita e quindi l’utilizzo, nell’ambito della ristorazione, di prodotti ittici pescati e/o commercializzati illegalmente,soprattutto nel periodo delle festività natalizie durante il quale si registra abitualmente una crescente richiesta.

Notevole attenzione è quindi stata posta nel contrasto alla pesca illegale di specie ittiche sottomisura ed alla commercializzazione di specie protette, nonché ad accertare eventuali irregolarità inerenti l’etichettatura e la tracciabilità del prodotto, il mancato rispetto delle condizioni igienico sanitarie ed eventuali ipotesi di pubblicità ingannevole.


Le operazioni disposte dalla capitaneria di porto della Spezia, sotto il coordinamento della Direzione Marittima della Liguria, ha visto l’impiego di diverse squadre, sia a terra che in mare, e ha permesso di effettuare più di 80 controlli lungo l’intera filiera commerciale e di elevare sanzioni amministrative per un ammontare di oltre 30.000 euro, ponendo sotto sequestro 30 kg di prodotto ittico che altrimenti sarebbe finito sulle tavole dei consumatori.

Tra le violazioni accertate diverse sono state quelle relative all’inosservanza delle norme sulla tracciabilità del pescato, sull’etichettatura, oltre a quelle inerenti il mancato rispetto della normativa vigente in materia di sicurezza alimentare, con particolare riferimento all’esposizione di prodotti ittici oltre la data di scadenza prevista.

Diverse anche le violazioni riscontrate in mare che hanno portato ad elevare sanzioni amministrative per un totale di 12.000 euro: tra i casi più frequenti l’esercizio della pesca ricreativa in zona non consentita con il conseguente sequestro degli attrezzi utilizzati e del pescato.

I controlli in materia di pesca e filiera commerciale continueranno con la medesima attenzione nell’arco dell’anno al fine di tutelare la risorsa ittica e la sicurezza dei consumatori attraverso la verifica delle norme che regolano l’attività di pesca in genere nonché la commercializzazione dei prodotti ittici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here