Home Cronaca Cronaca La Spezia

Operazione ‘Aurora’: scoperta cellula neonazista spezzina

3
CONDIVIDI
Operazione ‘Aurora’: scoperta cellula neonazista spezzina

LA SPEZIA. 29 APR. I carabinieri nelle prime ore di stamane hanno fatto scattare un’operazione contro una “cellula neonazista” definita “Autonomi NS La Spezia”. L’indagine era partita lo scorso maggio a seguito delle denunce presentate per l’imbrattamento, con svastiche e simboli nazisti, della parte esterna della sede del Pd e di Rifondazione comunista a La Spezia.

I militari hanno perquisito le abitazioni di sei persone e disposto tre misure restrittive, con obbligo di dimora nel comune di residenza e divieto di uscire nelle ore notturne. Gli indagati sono tutti italiani e residenti nello spezzino.

I presunti neonazisti sono ritenuti responsabili dei reati di “associazione finalizzata all’incitamento alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, etnici e nazionali” e, a vario titolo, anche per i reati di “danneggiamento” e “danneggiamento aggravato seguito da incendio”.


Secondo il procuratore capo Antonio Patrono, che ha coordinato l’indagine denominata “Aurora”, il gruppo è l’autore di imbrattamenti con svastiche e simboli nazisti sui muri, raid incendiari, ronde punitive contro gli immigrati. In tal senso, gli investigatori hanno anche trovato armi bianche e materiale informatico inequivocabile.

Nello specifico, secondo i carabinieri, i militanti neonazisti organizzavano ronde illegali punitive nei confronti di cittadini extracomunitari ed avevano appiccato il fuoco a raccoglitori di indumenti usati della Caritas diocesana della Spezia e ad un macchinario di una cava. Per farsi propaganda, affiggevano nelle vie cittadine simboli nazisti e imbrattavano targhe e iscrizioni commemorative della Resistenza e della lotta antifascista.

Il gruppo era composto da militanti della frangia più oltranzista dell’estrema destra riconducibili all’area naziskin. La base logistica era una roulotte, parcheggiata in una zona boschiva di Follo. Qui i militari hanno rinvenuto istruzioni per fabbricare ordigni rudimentali, realizzabili con componenti di uso comune, normalmente in libera vendita.

 

 

3 COMMENTI

  1. Tanti casini per una croce, però rubare, spacciare, rapinare, uccidere in nome di un amico immaginario cammellofilo e pedofilo va bene.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here