Operatore Amiu aggredito da marocchino in via Gramsci

2
CONDIVIDI
Dipendente Amiu alla guida con il telefonino. Foto © Marco Marchelli/LiguriaNotizie
Un operatore ecologico di Amiu è stato bloccato da un marocchino in via Gramsci mentre puliva la strada: preso e poi arrestato dai carabinieri
Un operatore ecologico di Amiu è stato bloccato da un marocchino in via Gramsci mentre puliva la strada: preso e poi arrestato dai carabinieri

GENOVA. 26 GEN. Ormai non possono andare al lavoro tranquilli neanche i netturbini. Stanotte un operatore dell’Amiu di via Gramsci ha richiesto l’intervento di una pattuglia dei carabinieri perché bloccato da uno straniero mentre svolgeva la sua attività lavorativa.

Sul posto è arrivato un equipaggio del Nucleo radiomobile, che ha raccolto la testimonianza della vittima: senza un apparente motivo, lo straniero aveva prima colpito a calci, danneggiandolo, un cestino porta-rifiuti, poi ha disturbato i passanti e quindi ha impedito con la forza all’operatore Amiu di svolgere la sua attività lavorativa.

L’uomo, rintracciato poco dopo in zona e identificato come B.M., marocchino di 42 anni, è stato deferito in stato di  libertà per “danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio” nonché, tratto in arresto per “resistenza a pubblico ufficiale” poiché, alla vista dei militari, li insultava e minacciava, opponendosi attivamente al controllo.