Omicidio Certosa, Tursi: fatto tutto il possibile per prevenire

0
CONDIVIDI
fiorini-tinella-dirigenti-pm genova
fiorini-tinella-dirigenti-pm genova
Il comandante dei vigili urbani Giacomo Tinella con l’assessore Elena Fiorini: fatto tutto il possibile per prevenire

GENOVA. 26 GEN. Sul tragico caso dell’ubriaco e drogato ecuadoriano che domenica ha ucciso con la sua auto un pedone alla fermata del bus in via Canperari, ne hanno discusso oggi pomeriggio a Tursi Stefano Balleari (Pdl) e Alessio Piana (Lega Nord), che in Sala Rossa hanno ricevuto la replica della giunta Doria.

Balleari: «la settimana scorsa abbiamo approvato un regolamento sulla movida, termine che altrove evoca situazioni piacevoli, mentre a Genova no, perché la movida non è mai stata gestita. L’abuso d’alcol deve essere regolamentato anche a Sampierdarena, perché l’incidente è avvenuto a Certosa, che è a poche centinaia di metri da Sampierdarena, dove i circoli vendono alcol 24 ore su 24. Ci vogliono presidi militari ed educazione civica per gli ecuadoriani, chiedendo la collaborazione del console».

Piana: «Auspico che il problema sia affrontato in modo definitivo: quello di una comunità che ha occupato parti della città senza alcuna volontà di integrarsi. Non dobbiamo aver paura di criminalizzare: dalle indagini emergono implicazioni di abusi contro la categoria dei tassisti. L’amministrazione comunale non ha mai combattuto questa forma di abusivismo. Non si può fare riferimento al caso. L’atteggiamento lassista dell’amministrazione su quelle che sembrano infrazioni di tipo economico porta a non vedere le implicazioni che riguardano l’ordine pubblico».

 

La replica dell’assessore Elena Fiorini: «esprimo cordoglio ai famigliari delle vittime. Ancora una volta una persona che aveva abusato di alcol e droghe si è resa responsabile di omicidio stradale. Chiediamo il massimo scrupolo nell’applicazione della pena anche in termini di certezza della pena. La legge sull’omicidio stradale non è ancora approvata anche a causa delle posizioni assunte dalla Lega Nord e da Forza Italia. Ricordo alcune azioni di questa giunta: 10 sospensioni e chiusure di locali nel 2014 e 18 nel 2015, per gli abusi legati all’alcol. Centinaia di controlli e di sanzioni; il regolamento, strumento che introduce limiti concreti, come già quello sul gioco d’azzardo. Poi campagne di sensibilizzazione nelle scuole, in rete con il Sert. Continueremo a fare quanto è in nostro potere. Rifiuto ogni strumentalizzazione».

 

LASCIA UN COMMENTO