“Oleorotto” a Fegino, amara ironia degli abitanti per non piangere

0
CONDIVIDI
A Fegino l'oleodotto diventa "oleorotto": aspra ironia degli abitanti: oggi il pm ha dissequestrato l'impianto Iplom
A fegino l'oleodotto diventa "oleorotto": aspra ironia degli abitanti per non piangere
A Fegino l’oleodotto diventa “oleorotto”: aspra ironia degli abitanti per non piangere

GENOVA. 26 APR. Ridere per non piangere. Alcuni abitanti di Fegino stanotte hanno usato con intelligenza la fantasia e l’ironia aspra ed amara, al limite del sarcasmo, scrivendo su un cartello dell’oleodotto della Iplom “oleorotto”. Ossia aggiungendo le gambette alla “D” e una “faccina triste alla “O”. Gli abitanti hanno usato un pennarello nero.

Sono anni che i residenti della zona chiedono che la Iplom di Busalla venga trasferita e denunciano che spesso sono costretti a restare chiusi in casa per l’odore del greggio che brucia occhi e gola, anche ad anziani e bambini.

Intanto, secondo indiscrezioni dalla procura, i tempi per il dissequestro “dell’oleorotto” sul Polcevera non sarebbero brevi. I pm hanno paura che lungo la condotta ci possano essere altri punti definiti potenzialmente “critici” e i periti sanno effettuando le verifiche, anche per sapere che cosa sia esattamente successo.

LASCIA UN COMMENTO